Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

sabato 11 dicembre 2010

TUTTE A BREGUZZO!

Ebbene sì, proprio così… siamo partite di nuovo per un knit diverso e siamo andate in un paesino vicino, dove ci aspettava un gruppo di baby-knit. Infatti quando siamo arrivate, guardando intorno a noi sulla strada i mucchi di neve accantonati dalla settimana prima, ci hanno subito accolte due ragazzine bellissime con in mano…. la calza! Sedute sul divano stavano lavorando e chiacchierando molto tranquillamente, con in mano quattro ferri ciascuno e due filati di diverso verde ( il colore delle ragazzine che ormai non vogliono più il rosa).



Ed ecco che arriva la loro maestra, una signora elegante e sorridente con i capelli bianchi, che ha sempre lavorato a maglia e che, dopo averle conosciute a scuola, ha proposto loro di fare qualche altro lavoro a casa sua per aiutarle. E’ una persona squisita che con molta calma e pazienza insegna loro tutto, senza forzarle, semplicemente per stare insieme e fare qualcosa di bello. So dalla mamma che il loro è un appuntamento fisso e le bambine ci tengono molto. Non ho infatti detto che anche la sorellina Giulia di soli 9 anni va con loro a fare knit ogni venerdì.



E’ una festa ogni volta, con merende specialissime, chiacchiere e maglia. Poi ogni tanto la signora decide di tenersi a casa uno dei lavori e magicamente…. il lavoro prosegue! Ci hanno mostrato i lavori già fatti, due bellissime sciarpe, un poncho un berretto e il nuovo lavoro della piccola, un poncho coloratissimo con una grossa treccia al centro. Da quando è arrivata da scuola non ha mai smesso di lavorarlo, vicina alla sua maestra, che le sussurrava con molta delicatezza cosa fare…



In tutto questo parlare di ogni cosa a me sembrava di tornare a quando da ragazzina facevo progetti continui sui lavori da fare in seguito… ma questa è un’altra storia!
Ed ecco il momento della merenda. Non poteva mancare una gustosa torta fatta in casa, sulla quale, per l’occasione, mia sorella aveva scritto il numero 9 con lo zucchero a velo.



Ha fatto anche i biscotti e tirato fuori il servizio da the per le occasioni importanti! Un po’ di neve per le bambine e finalmente arrivano le nostre socie, che per impegni non potevano raggiungerci prima. Quanti complimenti e quale stupore nel vedere il lavoro della calza… le ragazzine erano contente di sapere che ciò che piace loro è un bellissimo passatempo e che altre persone lo sanno!





Mia sorella, di cui riconosco le straordinarie capacità manuali in tutte le possibili espressioni, a questo punto ci dà il sacchettino che aveva preparato per noi, come augurio di un sereno Natale. Ognuno contiene tre oggettini in legno da appendere all’albero. Sono già li sopra e sono una bellezza.



Brava sorellina!

Ancora chiacchiere,



un po’ di lavori fatti a mano da vedere e poi si ritorna a casa, tutte contente e … arricchite, non di regali, ma di emozioni, di carica positiva, di voglia di fare tutte insieme.
Forse vi sembrerò di parte, ma vorrei fare di nuovo i complimenti alle mie nipotine, che tengono in mano il filo lungo di lana spessa, partito dalla loro bisnonna, continuato da sempre in mano alla nonna, tenuto un pochino anche dalla zia, fino ad arrivare a loro!
Continuate così!
(L.)

10 commenti:

  1. zia come hai scritto bene!!! :)
    è bello vedersi protagoniste di una giornata così speciale. Anche la nostra insegnante di maglia ha apprezzato tantissimo. NOi ieri ne parlavamo ancora durante il nostro incontro settimanale. Grazie della esperienza da Giulia Vale

    RispondiElimina
  2. straordinarie queste ragazze!

    RispondiElimina
  3. Meravigliose direi, tre ragazzine che lavorarno a maglia, chi le ha mai viste? Io sono rimasta sorpresa, credevo di trovare tre principianti e invece sferruzzavano la calza con quattro ferri.
    Bella e orgogliosa la maestra, e chi non lo sarebbe!
    Il gruppo si allarga, non perdiamoci di vista, insieme faremo faville! Un bacio a tutte.

    RispondiElimina
  4. Bravissime davvero! E' stata un'autentica emozione partecipare ad un incontro così ben organizzato dalla vostra mamma e, soprattutto, guardarvi sedute rilassate coi ferri in mano ...
    Grazie a tutte, di cuore, siete un esempio anche per noi, al prossimo knit insieme.

    RispondiElimina
  5. Sono bravissime queste ragazze, io ho più di 40 anni e non ho mai fatto una calza, e guarda loro......COMPLIMENTI !!!

    RispondiElimina
  6. Ma che sorpresa vedere Marta, figlia della sorella di una carissima amica, nel mini gruppo del knit spontaneo di Breguzzo ... le coincidenze ... certo che deve essere stato un incontro davvero speciale; usando una parolona un incontro transgenerazionale, un'apertura di cuori, di saperi, di scambi e di condivisione ...

    RispondiElimina
  7. Ah dimenticavo ... buona Santa Lucia a tutte e soprattutto a tutte quelle che sanno godere di queste emozioni ...

    RispondiElimina
  8. Scusate per l'intrusione ... per L:
    domani tutti i tasselli andranno al loro posto; e spero che anche per te sia una giornata di belle sorprese!!!
    Vedrai che ti frego....

    RispondiElimina
  9. brave ragazze, i lavori manuali fanno solo del bene in un mondo che non si ferma piu per questo tipo di hobby ;-)

    RispondiElimina
  10. Cara anonima paf.... è vero, sei riuscita a stupirmi con una bellissima e coccolosa sorpresa. GRAZIEEEEEEE. Baci Lara

    RispondiElimina