17 DICEMBRE

Ri-nevica!
Sono felice naturalmente.





Il bosco visto dalla finestra della cucina si presenta così. I piumini della clematide vitalba si confondono con i fiocchi di neve.



Dalla finestra ad est invece si vede il paese, il campanile e più avanti, la poca campagna dove il grano marano è stato raccolto appena in tempo prima delle nevicate.



Al telefono, Andrea, due anni tra un mese, mi ha recitato questa poesia.

Chi abita sull'abete
tra i doni e le comete?
C'è un Babbo Natale
alto quanto un ditale.
Ci sono i sette nani,
gli indiani,
i marziani.

Ci ha fatto il suo nido
perfino Mignolino.
C'è posto per tutti,
per tutti c'è un lumino
e tanta pace per chi la vuole,
per chi sa che la pace
scalda anche più del sole.

Gianni Rodari

Tutto è poesia oggi.

Commenti

  1. Proprio così:tutto è poesia... La neve che ho spazzato, soffice e lieve, il caldo della casa, le voci dei miei bimbi, un caffè con un'amica e.... mio figlio che da un'ora sta provando la tricottina di sua sorella, ricevuta ieri da S. Lucia, con un filato sottile di mille colori. Perchè tutto è poesia se lo vogliamo...

    RispondiElimina
  2. Già, tutto è poesia oggi. Devo dire che stamattina quando sono uscita questo non era esattamente il mio pensiero, nè lo è stato per tutto il giorno passato fuori casa. Dal momento del rientro, però, tutto è stato poesia; l'albero acceso, le candele, la cena, faccio di nuovo le scorzette di Petronilla, che mi divertono tanto, aspetto mio marito e leggo il blog, anche oggi bellissimo. Infine, il mio caro vicino di casa, marito di M., che mi spazza tutto il viale a -5° affinchè io possa riportare la macchina in garage e, in cambio, nemmeno vuole sentirsi ringraziare! Non è poesia questa? Mi sento proprio viziata!
    PS: Un bacino posso mandarlo al piccolo Andrea, che a due anni recita Rodari?

    RispondiElimina
  3. Tutto è poesia oggi...
    poesia è la neve, poesia gli auguri di natale dei bambini dell'asilo, poesia è il leggere questo blog... e così al venerdì apro il blog, chiudo gli occhi e vado al giorno in cui mi sono fermata ... come se vedere il 17 prima del 16 e del 15 mi portasse via la sorpresa ... ogni giorno più bello dell'altro ... questo calendario dell'avvento è magia, come le vostre piccole che sono sempre sorridenti perchè rispecciano l'atmosfera dei vostri knit ...
    NB: non sempre le poesie sono interpretate allo stesso modo dalle persone, e guai se lo fossero, ma quando alcune persone che lo fannno allo stesso modo si incontrano è davvero speciale ... mi sa che voi ci siete vicine...
    Buon week - end ...

    RispondiElimina
  4. Amiche mie, quanta invidia per la vostra neve!
    Nel nostro piccolo ci siamo dati da fare anche qui a Firenze...(per le foto andate sul mio blog)

    RispondiElimina
  5. Un super bacio ad Andrea ed un abbraccio forte forte , ciao ciao

    RispondiElimina
  6. ...gli occhi dei miei bambini, la voce che scrive della mia zia-mamma, la neve che cade silenziosa e scricchiola sotto le scarpe, il nostro piccolo - e forte e inattaccabile - cerchio di pace. Tutto è poesia.
    La pace, la poesia più candida.

    RispondiElimina

Posta un commento

Pinterest

Pinterest
Curiosa nel mio pinterest

Post più popolari