La storia del tappeto

C’era una volta una signora dai capelli bianchi e dai bellissimi occhi azzurri.

La signora in questione lavorava all’uncinetto da tutta la vita e in un freddo pomeriggio d’inverno, con pazienza ed intuito, decise di trasmettere il suo sapere ad una nipote.

La nipote imparò, anche se ancora non ha superato la maestra che, un giorno d’estate, si offrì di farle un tappeto per colorare l’ingresso di casa sua. La nipote rifiutò. Il tappeto sarebbe stato un lavoro troppo pesante per la nonna, uno sforzo che non poteva permettersi. Ma la nonna non cedette (anche in questo l’allieva non ha ancora superato la maestra!), e trovò il sistema per fare un grande tappeto di cotone senza sforzo.


Creò nove grandi quadrati colorati con la supervisione della figlia, imbattibile nell’abbinamento dei colori. Calcolò materiale e tempi di esecuzione: un quadrato a settimana, ci sarebbero volute nove settimane, tutta la borsa piena di cotone riciclato, e qualche gomitolo di cotone nuovo.

Ma anche le maestre, a volte, sbagliano, ed il tappeto fu pronto molto tempo prima, ed ora è ammirato e commentato da quanti si recano dalla nipote a bere un caffè.






PS: Solo ad onore del vero, la bella signora dai capelli bianchi e dagli occhi azzurri ha quasi novant’anni, anche se lei preferisce dire di averne compiuti solo ottantanove!

Commenti

  1. Complimenti e ancora complimenti, alla signora dai capelli bianchi e dagli occhi azzurri, per i lavori che ha fatto e per quelli che farà. Lavorare all'uncinetto fà bene al corpo ma soprattutto allo spirito, asvanti così !!!!!

    RispondiElimina
  2. Favoloso il tappeto e soprattutto favolosa la nonna che riesce ancora a fare questi capolavori e peccato che da lei non ho ereditato la bravura all'uncinetto e tantomeno gli occhi azzurri!! Complimenti a voi tutte per aver realizzato questo blog raffinato, creativo, curioso e ricco di suggerimenti che tengo d'occhio con vivo interesse.

    RispondiElimina
  3. Grazie grazie grazie a nome di tutte. La passione per il knit e questo blog ci ha unite in una amicizia molto bella alla quale io tengo tantissimo nonostante io sia la nonna del gruppo (anche se loro sono molto carine e mi chiamano sempre con il mio nome di battesimo). La più entusiasta e la trascinatrice numero 1 comunque è tua cugina.

    RispondiElimina
  4. Grazie alla nonna dai capelli bianchi e a tutte le nonne e alle mamme che con la loro pazienza e il loro esempio ci hanno fatto apprezzare queste meraviglie. Noi siamo fortunate perchè possiamo godere di un piacere così grande che loro ci hanno trasmesso. GRAZIE L.

    RispondiElimina
  5. Donne di Darzo Sante Subito!
    E' una piccola meraviglia che da lontano posso trovare in questo blog le tracce delle persone e dei luoghi a me cari.
    Sarà uno dei miei piaceri futuri seguire i vostri incontri, controllare le foto dei nuovi lavori e sentirmi per un momento a casa....
    E che scoperta venire a sapere che gli occhi della nonna dai capelli bianchi non son CERULEI (come lei ha sempre provato a farmi credere!), ma azzurri....
    Un caro abbraccio da oltreoceano,
    M

    RispondiElimina
  6. In effetti quella del "Sante Subito" non è mica male come proposta!!!! Giunta poi da oltreoceano!!!! Avrà valore doppio?
    Mah, chi lo sa! Nel frattempo, knittiamo e chiacchieriamo e inventiamo e ... continuiamo a sognare! Seguici,
    un abbraccione B

    RispondiElimina
  7. ma che bello è il tappeto?????
    è geniale oltretutto,un evviva alle nonne (con gli occhi di qualsiasi colore)e alle nipoti che hanno ereditato la capacità di entusiasmarsi e di stupirsi e di bere dai bicchieri sempre mezzi pieni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari