Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

mercoledì 24 agosto 2011

IL PONCHO DELLA NONNA





Quando arriva la fine di agosto, in genere, è arrivato per me il momento di organizzare la casa per i prossimi impegni di lavoro.


Mettendo a posto e sistemando gli armadi, così, trovo cose che, un po' accantonate, non vedevo da tempo ( almeno, a me capita così).


E' il caso di questo piccolo poncho che mia mamma, la nonna, aveva fatto per la mia piccola. NON RIESCO a metterlo in uno di quegli scatoloni con scritto sopra VESTITI PICCOLI.



Mi sembra così prezioso che ho pensato di mostrarvelo.


Mia mamma l'ha sicuramente confezionato a notte fonda, come tutte le meravigliose creazioni che ha fatto, sempre. Sa fare di tutto, dal cucito alla maglia, all'uncinetto e lo fa in modo molto preciso ma ha poco, pochissimo tempo per dedicarsi a queste cose, anche se in realtà le piace molto. La rilassa soprattutto tagliarsi e cucirsi, per esempio, un vestito. Ma ha le giornate così piene che a malapena riesce a "ritagliarsi" un po' di tempo per se stessa.


Ed eccolo in tutta la sua interezza. Ha fatto sei piastrelle quadrate e un triangolo per la schiena con del mohair beige e rosa morbidissimo. Le ha unite e poi ha addirittura preparato due piccoli pon-pon da attaccare al nastro di raso rosa. A me sembra proprio che meritasse un post. Voi che ne dite? Grazie mamma.

Lara

7 commenti:

  1. Come si fa a metter via un ricordo così soffice? Io ho ancora la mia copertina fatta da mia nonna...l'ho usata anche per i miei bambini, anche se poco per paura di rovinarla. Il poco che è servito per avvolgere i miei bimbi in un abbraccio carico di affetti sempre presenti...

    RispondiElimina
  2. Me lo ricordo, me lo ricordo, me l'avevi mostrato con orgoglio quando tua madre te l'aveva regalato per la principessa di casa tanto attesa! Bravissima nonna!

    RispondiElimina
  3. Prezioso più dell'oro, ogni cosa fatta a mano ha una storia da raccontare.

    RispondiElimina
  4. Azzeccatissimo il commento di Marisa di cui sopra. Aderisco ad ogni sua parola. Da questo poncho e dalle parole di questo post, traspare tanto amore.
    Hai fatto benissimo ad incorniciarlo in questo post :-)
    Buona serata, ciao
    e°*°

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte. Credo proprio che le cose fatte a mano con amore mettano tutte d'accordo!

    In particolare ringrazio Elena per aver visitato il nostro blog... Ti ammiro molto per i tuoi bellissimi lavori e... per tutto il resto.
    Grazie e a presto

    RispondiElimina
  6. ... concordo ... ogni cosa fatta a mano è una storia da raccontare ...

    RispondiElimina