Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

domenica 1 giugno 2014

TRA SOGNO E REALTA'...


Proprio questo era il titolo del saggio di danza che oggi siamo andate in molti a vedere alla sala del cinema di Ponte Caffaro.
 
Il sogno è cominciato subito, quando le prime ballerine hanno cominciato a ballare sul palco con i loro costumi nuovi, ma ancora prima è cominciato quando è stato presentato, perché in quel momento, quando le luci si sono spente, c’erano solo loro…
 

Grandi, piccoli, emozionati o tranquilli, tutti i ballerini (c’erano anche alcuni pochissimi maschietti) erano pronti a stupirci, come sempre, sulle musiche che le loro maestre avevano ascoltato, immaginato, preparato e provato per loro…
 

Poesia, arte, colore e danza si sono mescolati e fusi insieme in un vortice di emozioni, di applausi continui, di sorrisi, di sguardi vigili e attenti.


Durante questa visione ho ripensato all’impegno costante che io e mia figlia ci siamo prese nell’ultimo periodo invernale. Ho ripensato anche che tutti gli sforzi fatti, tra l’altro molto volentieri, stavano per regalare ad entrambe le emozioni e la gioia che ci ha ripagate di tutto, che ci ha fatte crescere insieme, che ci ha regalato momenti per stare da sole e che ci ha fatto conoscere nuove persone.

Ma forse i ballerini non pensavano a questo, no. Loro guardavano con occhi stupiti e sognanti la loro maestra che ballava… e faceva sognare. Li vedevo dietro i tendaggi in velluto rosso, mentre tra una fessura e l’altra sbirciavano e sorridevano.

I balli si sono alternati con ritmi veloci e coinvolgenti, gli applausi erano dedicati a chi ballava da poco sulle punte, a chi ballava da solo, a chi trovava negli occhi delle compagne la risposta ai propri dubbi, la certezza che tutto procedeva al meglio…

Chissà cosa provava ognuno di loro mentre aspettava il proprio turno, mentre entrava sul palco, chissà cosa vedevano da lassù..

Ogni tanto qualcuno sembrava fermarsi per un secondo perché incantato dal vedere qualcuno, da un pensiero, da un flash… Poi tutto ricominciava e niente più li distraeva.
 

E quando lo spettacolo è terminato era impossibile non lasciare che alcune lacrime scendessero delicate sul viso. Una strofinata veloce agli occhi e via, a fare i complimenti a tutti, ma proprio tutti, quelli che hanno lavorato per questo meraviglioso risultato.

E siccome proprio tutti era impossibile vederli ho pensato di farli qui, nel mio angolo, con la speranza che qualcuno li possa riportare.

 
Alla prossima.
Lara

 P.S. Se qualcuno che appare nelle foto non vuole che sia così mi contatti e toglierò la foto in questione.

2 commenti:

  1. Ciaooo che emozione ci regali con queste foto,tutti felici per il saggio finale,la tua bimba sarà stata bravissima!!grazie per essere passata dal mio blog è un piacere conoscerti...a presto ti seguo molto volentieri!!buona settimana

    RispondiElimina
  2. Grazie a te per la visita. E' sempre bello sapere che qualcuno passa di qui..

    RispondiElimina