Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

domenica 27 maggio 2012

RICICLO, RECUPERO, RIUSO...

Forse non siamo sempre precise nel recuperare oggetti che possono esserlo, ma c'è qualcuno che conosco che lo fa molto spesso. E' mia cognata, che alla richiesta della figlia: "allungami un po' questa maglia, mamma per favore, perché è troppo corta", non ci ha pensato due volte e si è messa subito al lavoro.
A dir la verità si è messa al lavoro così presto che la figlia non ha neanche detto come la voleva, ma poi non si è certo lamentata più di tanto.
Insomma, la maglietta azzurra aveva bisogno di un nuovo bordo, ma era necessario riprendere il colore anche sulle maniche e sul collo, perché non sembrasse troppo posticcio.
Devo dire che il risultato mi piace molto ma vorrei farvi notare che spesso si possono recuperare oggetti, vestiti, tessuti, che possono avere nuova vita, nuovi utilizzi. Mi piace...

A presto Lara
(Il fiore era nel mio giardino: mi piace tantissimo!)

domenica 20 maggio 2012

AL BIOTOPO

In questa domenica di pioggia voglio raccontarvi di un posto piuttosto lontano per molte di voi, ma vicino per altre...
L'altro giorno, dopo il lavoro, snobbando decisamente gli impegni casalinghi, ho deciso di portare i miei figli più piccoli a fare un giretto sulla pista ciclabile qui vicino. Io camminavo e osservavo fiori e piante baciate dal sole, mentre loro pedalavano sorridenti. Spesso dimentichiamo quali bei posti si possano trovare intorno a noi, ma quando ci si riimmerge  se ne apprezzano subito le caratteristiche.
Comunque è anche vero che spesso le sorprese sono proprio dietro l'angolo e tutto prende forme diverse...
Abbiamo visto sul nostro percorso il laghetto Roversella, meta di pescatori, che sembrava dire: "Tornate a trovarmi presto con la borsetta del knit e qualcosa da mangiare, vi aspetto!"
Il posto è vicino alla "nostra" Fontana Bianca, ho più volte pensato di organizzare là un knit-incontro, ma mi sembrava di "tradire" quel luogo, che ci ha regalato così tanti bei pomeriggi.
Da lì si può quindi immettersi sulla passerella che passa in mezzo al Biotopo e che permette di osservare un ambiente naturale in tutta la sua integrità. Cartelli descrittivi spiegano quali specie si possono trovare...
Proseguivamo piano piano per non disturbare gli animali quando, sotto di noi, un Germano reale ha preso improvvisamente il volo e si è spostato tra i rami folti lì vicino. Per un attimo ci siamo spaventati, perché non ci aspettavamo quel rumore e quella visione. I colori del suo piumaggio erano rossastri, vivaci e variopinti, bellissimi da seguire con lo sguardo. Ho tentato di fotografarlo, ma inutilmente perché o io sono stata troppo lenta o lui ( o lei, non so) è stato troppo veloce.
Mi scappa però in quel momento l'occhio e, osservando nel punto da dove era partito l'animale, scorgo uno spettacolo che mi ha riempito il cuore: c'era un nido piuttosto grande con ben sette uova bianchissime.
Probabilmente il genitore che era volato via lo stava proteggendo e noi non l'avremmo mai visto solo passando.
Ho scattato alcune fotografie, ma temevo di disturbare troppo la famigliola, così ce ne siamo andati ad osservare altri quadretti naturali, con un senso di gioia, nel pensare di aver potuto ammirare quello spettacolo, come se fosse stato un dono prezioso.
Tornando a casa ne parlavamo continuamente e mia figlia l'ha poi raccontato a tutti, al suo papino, ai nonni, agli zii, come se davvero quel giorno fosse stato un giorno speciale...
Forse il regalo speciale è quello di saper apprezzare le piccole cose...
A presto Lara

mercoledì 16 maggio 2012

TUTORIAL E PREMIO

Innanzitutto credo di far contente un po' di persone semplicemente accompagnandovi in un viaggio di navigazione in internet, che ci piace così tanto fare, per portarvi su questo link che Marisa ha trovato per imparare a fare il punto d'amore del post precedente.
Spero che l'amica Rossella, che ci ha fatto scoprire questa bellezza, non ne abbia a male, ma sia contenta di quante persone apprezzino un lavoro così prezioso.
Il link è http://www.garnstudio.com/lang/it/pattern.php?id=4941&lang=it e posso suggerirvi di andare in fondo alla pagina, dove trovate scritto " Hai bisogno di aiuto?". Cliccando su "nodi d'amore" tra i video vedrete proprio il video del punto. Buon divertimento....

Nella seconda parte del post voglio invece ringraziare Ricreanna che ci ha dedicato un premio.
Il premio è questo
Nelle regole per mantenere il riconoscimento ci sono alcune domande a cui devo rispondere.
Premetto che le risposte saranno solo mie perché non conosco i gusti e i pensieri di tutte e quattro.
 1. Scrivi tre frasi che ti rispecchiano al meglio.

Ogni cosa, anche la più brutta, ha in un angolino una parte positiva. Cercala e mi darai ragione.
Quando succede qualcosa non reagisco mai subito ma lascio decantare...

2.Tagga 7 blog a cui dedicare il premio.

Il filo chiaro 
La matassa e il gomitolo
Granadiriso
Ricami e biscotti
Miss muffin@
Priorità e passioni
Crea Family

3.Scrivi tre canzoni preferite.

Mettiamola così: mi piace ascoltare musica ma non sono una grande esperta.

4.Esprimi un desiderio.
Il mio desiderio in questo momento sarebbe quello di poter annullare l'invidia dalle caratteristiche umane.

5.Scrivi una parola che rappresenti il desiderio.
Serenità.

Credo d'aver fatto tutto: ora ringrazio nuovamente Anna e vi saluto.
A presto Lara

venerdì 11 maggio 2012

APRILE.... ORMAI PASSATO

E' vero, aprile è ormai passato ma non ho ancora trovato il tempo di parlarvi di alcuni eventi accaduti in quel mese... Vorrei infatti ricordarvi che in questo periodo mamma e figlia, che noi conosciamo bene, hanno festeggiato il loro compleanno.
Cominciando da quello della figlioletta posso sicuramente affermare che in quel meraviglioso sabato di (primo) sole l'allegria ha regnato nel giardino preparato per l'occasione. Ci sono stati momenti di timidezza, per qualcuno e momenti di commozione, per altri, ma lo scivolo è stato un ritrovo collettivo molto interessante per tutti.
La festeggiata, inoltre, sfoggiando la sua meravigliosa gonna nuova che la zia le aveva confezionato e di cui abbiamo letto qui, sembrava proprio essersi immedesimata nella parte da principessa. Auguroni di cuore, piccina.
Tempo prima, però, non possiamo dimenticare che anche sua mamma ha festeggiato il suo compleanno ed è stata per noi un motivo di incontro. In poche parole abbiamo portato con noi la borsina del knit-lavoro ed abbiamo fatto due punti, proprio come a tutti gli altri nostri knit.
Barbara indossava in quell'occasione una meravigliosa sciarpa che aveva acquistato qui. Uno spettacolo: morbida, elegante, soffice e calda... Il colore è quello del cielo, al mattino presto quando i fiori aprono le loro corolle, grigino pallido, che tende all'azzurro, con qualche punto di luce qua e là.
La sua meravigliosa idea è stata quella di regalare lo stesso filato a Marisa, in colore diverso, che lo ha apprezzato molto, con la promessa di lavorarlo presto.
Detto-fatto. Pochi giorni dopo il collo lavorato con lo stesso punto, detto "nido d'amore" era pronto." E' un punto molto veloce", ci ha detto, e presto, magari alla "fontana bianca", potrà insegnarcelo.

Ora speriamo si possa mettere nell'armadio, ma in realtà è un lavoro che si può apprezzare molto anche nelle fresche serate d'estate, sopra un bel vestitino sbracciato... e chi ci ferma più?
Brava Barbara per l'idea e brava a Marisa per il lavoro svolto...
Sta bene anche alla sua piccola!
A presto Lara

martedì 8 maggio 2012

GUFO A SPASSO...

Che titolo bizzarro, direte voi, ma la storia di oggi parla proprio di un simpatico gufo ( o sarà una civetta, non lo so) che oggi ho deciso di accompagnare in giardino per scoprire che tutto si era già svegliato. I fiori, le piccole foglie verdi, tutto ha cominciato ad aprirsi, a germogliare uscendo dal loro angolino calduccio, per godere del tepore del sole ( quando non si nasconde) e della luce più a lungo.
E' un gufetto simpatico con questi due occhioni teneri e curiosi.
L'ho portato sui rami di alcune piante perché vedesse quali novità ha portato quest'anno la primavera, ma poi ha voluto fare un riposino su un piccolo cespuglio di rosmarino che imperterrito ogni anno sceglie di crescere con la poca terra che trova tra i sassi del muro... questa è la vera magia, la forza di nascere e vivere, comunque e ad ogni costo.
Ma dal tetto gli sembrava di vedere meglio, davvero, e così si è posato anche lì, il nostro amichetto.
In realtà questo curioso animaletto non è arrivato da lontano, ma dal prezioso lavoro di taglia-cuci che un giorno mia sorella ha voluto regalarmi... Visto su una rivista, è diventato subito lo scopo di qualche pomeriggio di lavoro, perchè erano due fratelli, i gufetti, destinati uno a me e uno alla nostra cara cognata ( che è cara sul serio, non scherzo). Mia sorella è proprio così: vede, pensa e subito fa... ma i risultati sono davvero ottimi.
Il lavoro per questo personaggino è stato particolare, non certo velocissimo, ma credo le abbia dato tanta soddisfazione.
Così, prima di metterlo a riposare davanti alla porta, a fare il suo lavoro di ferma-porta, ho deciso di fargli fare un giretto in giardino, soprattutto per mostrarlo a voi, ringraziando la mia sorellina, (sempre più piccola di me è...) per aver cucito questo capolavoro per me. Dicono poi che porti fortuna, e allora doppio grazie.
A presto Lara

martedì 1 maggio 2012

A TAVOLA

Si era da poco fatto giorno, stamattina, quando mi sono alzata in questa giornata uggiosa e grigia. Ho preparato la moka per il mio caffè mattutino e poi, molto prima che si alzassero, ho preparato anche il tavolo della cucina per la colazione dei miei figli. Mi piace coccolarli un po' quando non abbiamo la solita fretta mattutina e i minuti contati. Ma questa volta il divertimento era doppio perché finalmente potevo mettere a tavola qualcosa di speciale che avevo preparato per loro.
Ecco la ricetta.
Ingredienti:

  • tovaglioli di stoffa colorati  (presi appositamente in merceria l'altro giorno)
  • bottoncini spaiati e coloratissimi
  • fili da ricamo
  • fantasia e tanto tanto divertimento.
Osservate i bottoncini e immaginate, per forma e colore, cosa potrebbero diventare. Attaccatene uno o due sull'angolo del tovagliolo e, con l'ago e il cotone colorato fate dei punti liberi, liberissimi, che formeranno foglie o petali a piacere. Metteteci un buon sano spirito di divertimento e il gioco è fatto: i vostri tovaglioli personalizzati rallegreranno la vostra tavola.
Ognuno potrà sceglierne uno... ognuno ha scelto quello che io avevo pensato!

In una sera li ho fatti tutti: "bello sforzo", direte voi, "sono solo pochi punti" ma mi sono divertita un sacco. L'idea però l'ho presa da Pinterest, questa meravigliosa bacheca di meravigliose idee, e credevo di averla salvata in una delle mie board, ma niente... quell'idea è rimasta intrappolata solo in una delle board che sono nella mia testa, così per il momento non posso nemmeno confrontarle, perché di sicuro lì saranno state perfette... Forse presto la ritroverò e così potrò mostrarvele, ma intanto potete osservare le mie ciliegie, l'ananas ( che qualcuno dice essere una nocciolina) il mandarino e la mela, con due diversi fiori ( qualcuno dice stella alpina e viola... ) ma non è importante cosa siano realmente, perché potrebbero essere tantissime cose.
La cosa bella è che le ho fatte con il massimo del relax e divertimento insieme...
P.S. Mi piacerebbe farne altri, provateci anche voi: è uno spasso!
A presto Lara