Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

domenica 20 maggio 2012

AL BIOTOPO

In questa domenica di pioggia voglio raccontarvi di un posto piuttosto lontano per molte di voi, ma vicino per altre...
L'altro giorno, dopo il lavoro, snobbando decisamente gli impegni casalinghi, ho deciso di portare i miei figli più piccoli a fare un giretto sulla pista ciclabile qui vicino. Io camminavo e osservavo fiori e piante baciate dal sole, mentre loro pedalavano sorridenti. Spesso dimentichiamo quali bei posti si possano trovare intorno a noi, ma quando ci si riimmerge  se ne apprezzano subito le caratteristiche.
Comunque è anche vero che spesso le sorprese sono proprio dietro l'angolo e tutto prende forme diverse...
Abbiamo visto sul nostro percorso il laghetto Roversella, meta di pescatori, che sembrava dire: "Tornate a trovarmi presto con la borsetta del knit e qualcosa da mangiare, vi aspetto!"
Il posto è vicino alla "nostra" Fontana Bianca, ho più volte pensato di organizzare là un knit-incontro, ma mi sembrava di "tradire" quel luogo, che ci ha regalato così tanti bei pomeriggi.
Da lì si può quindi immettersi sulla passerella che passa in mezzo al Biotopo e che permette di osservare un ambiente naturale in tutta la sua integrità. Cartelli descrittivi spiegano quali specie si possono trovare...
Proseguivamo piano piano per non disturbare gli animali quando, sotto di noi, un Germano reale ha preso improvvisamente il volo e si è spostato tra i rami folti lì vicino. Per un attimo ci siamo spaventati, perché non ci aspettavamo quel rumore e quella visione. I colori del suo piumaggio erano rossastri, vivaci e variopinti, bellissimi da seguire con lo sguardo. Ho tentato di fotografarlo, ma inutilmente perché o io sono stata troppo lenta o lui ( o lei, non so) è stato troppo veloce.
Mi scappa però in quel momento l'occhio e, osservando nel punto da dove era partito l'animale, scorgo uno spettacolo che mi ha riempito il cuore: c'era un nido piuttosto grande con ben sette uova bianchissime.
Probabilmente il genitore che era volato via lo stava proteggendo e noi non l'avremmo mai visto solo passando.
Ho scattato alcune fotografie, ma temevo di disturbare troppo la famigliola, così ce ne siamo andati ad osservare altri quadretti naturali, con un senso di gioia, nel pensare di aver potuto ammirare quello spettacolo, come se fosse stato un dono prezioso.
Tornando a casa ne parlavamo continuamente e mia figlia l'ha poi raccontato a tutti, al suo papino, ai nonni, agli zii, come se davvero quel giorno fosse stato un giorno speciale...
Forse il regalo speciale è quello di saper apprezzare le piccole cose...
A presto Lara

6 commenti:

  1. Che posto magnifico, e che strano vedere il sole...E' il quinto week end con la pioggia... Ale

    RispondiElimina
  2. In una delle mie passeggiate sulle passerelle del biotopo dove sei stata tu, io ho visto una gallinella d'acqua con i suoi nerissimi pulcini e una folaga nel suo nido. Che meraviglia!

    RispondiElimina
  3. Ho goduto delle tue foto e delle tue parole: che bella gita!

    RispondiElimina
  4. Appena il tempo si sistema, knit all'aperto, una delle mete sarà di sicuro questa....

    RispondiElimina
  5. Bella la gita, bellissimo il luogo, in un posto così non c'è brutto pensiero che regga. Ciao, Anna

    RispondiElimina