Baktus mania

Un pomeriggio di agosto che non sapevo che lavoro portare al nostro knit, ho iniziato un baktus e l' ho portato con me all'incontro. Le amiche curiose mi hanno subito chiesto cos'è un baktus, io le ho subito indirizzate su questo link dove ho trovato un'infinità di modelli di tutti i colori, mentre le spiegazioni le ho trovate su Raverly. Il primo baktus dunque è stato questo che indossa la mia amica alla quale è piaciuto moltissimo, ed è piaciuto anche alle amiche del knit che ne hanno realizzato tutte almeno uno e qualcuna più d'uno.



Sotto, nelle foto, la nostra supporter ne indossa 2 modelli.





E' un lavoro molto semplice da fare e anche divertente e veloce. Si inizia con quattro punti e si prosegue aumentando una maglia ogni quattro ferri sempre sullo stesso lato. Quando si è raggiunta la metà della lunghezza desiderata si inizia a diminuire un punto ogni quattro ferri sempre sullo stesso lato. Facile no?



La piccola ha voluto provare anche lei a fare qualche punto sul baktus della mamma



che ha preferito lavorarlo con una morbidissima lana azzurra.



Infine due versioni sui toni del verde. Una con motivi traforati e l'altra semplicemente beige e verde oliva fino a metà e poi sempre beige e verde bottiglia la parte rimanente.
Esiste anche un altro baktus creato da Babette che, addosso ad un giovane artista ha preso il volo per New York prima di essere fotografato. Caro newyorkese, se ogni tanto ci leggi, sappi che aspettiamo una tua fotografia con il baktus in questione, magari ripresa al Central Park o sul Ponte di Brooklyn per aggiornare questo post.
G.

Commenti

  1. Stamani mi sono svegliata molto presto, mi agitavano pensieri poco felici (sapete com'è la notte: tutto è peggiore). Pensa e ripensa, mi è venuto in mente questo post e solo immaginarmi con che lana avrei potuto fare questo Baktus, mi sono rilassata e sono riuscita a dormicchiare ancora un po'. E dunque, che dirvi, care amiche? Che vi penso anche di notte!?!

    RispondiElimina
  2. E... dai! Che gioia. C'è tanta solarità che ci rallegra nei tuoi commenti. Sarebbe bello iniziare un baktus assieme, fare come una gara a chi lo finisce prima e chi lo fa più bello. Ciao. Grazie.

    RispondiElimina
  3. E' stato bellissimo lavorare al baktus! E' un lavoro molto rilassante, che si decide di finire quando ci si è stancati di aumentare, e che è davvero piaciuto a tutti coloro che lo hanno ricevuto in regalo. Quanti baktus in giro quest'inverno!
    Grazie Graziella che ce lo hai fatto vedere, quel famoso giorno estivo ...
    Portacene ancora e ancora di idee e progetti, tu che sei la nostra maestra...

    PS: Speriamo davvero che quel ragazzo che sta a New York ci faccia sapere quant'è calda la città col baktus addosso!

    RispondiElimina
  4. Per aracne.
    Hai già capito tutto! Siamo un gruppo a forte rischio di contagio! Beccata, tiè!!!! Continua così, lo scambio sarà sempre più contagioso!!!!!

    RispondiElimina
  5. E' vero, è stato un lavoro piacevole da fare, ma soprattutto da indossare... Ho impiegato più tempo delle mie amiche a farlo, ma da quando l'ho finito non lo tolgo più di dosso, a rischio di metterlo con colori non adatti, ma penso che l'inverno lungo ci permetterà di farne ancora, ancora, ancora... A presto.

    RispondiElimina
  6. Belli vero? Grazie a G. per le sue strepitose idee e complimenti alla nostra piccola allieva,che visto l'entusiasmo, diventerà di sicuro bravissima come la sua mamma! ciao

    RispondiElimina
  7. Qui New York City dove la baktusmania comincia a pendere piede....
    Il baktus verdegrigio in questione ha già girellato un bel pò: Brooklyn (dove gli oooohhhhh e gli aaahhhhh d'invidia degli hipsters che popolano Williamsburg son più sonori delle campane del paesello all'annuncio del Dio Risorto nella domenica di Pasqua) e Manhattan (dove più discreti colpetti di tosse e dar di gomito si impossessano dei New Yorkers "che nel brooklyn manco morto!").
    Manderò presto una foto, keep in touch e un caro saluto a tutti!

    RispondiElimina
  8. CIAO!!!
    ma non smettete mai di stupirmi ... il baktus è sempllicemente meraviglioso ... quando poi l'ho visto indossato a L in un giorno particolare di quel preciso colore adatto alla giornata mi si è riempito il cuore di gioia ... io non avevo niente di blu se non la mia cara amica che come sempre ha stupito tutti e colpito nel segno ...
    a presto

    RispondiElimina
  9. Carissimo giovane artista accasato, per ora, nella Grande Mela! Ma lì vendete davvero aria fritta??? Che ce ne facciamo degli ooooohhhh aaaaahhhh, dei colpetti di tosse e di gomito? Noi pensavamo che tu ci inviassi gli ordini!!!! Ordini di fare tot baktus!!!! Per Brooklyn o per Manhattan, poi, poco importa!
    Ma! Continueremo sul mercato locale, mi sa tanto!
    Un mega abbraccio stritolante, seguici.

    RispondiElimina
  10. Cara anonima paf, le tue lodi sono sempre una meravigliosa sorpresa ma la sorpresa più grande, la solita provvidenza, è stata quella di riuscire a mettere il mio baktus in quella particolare occasione, senza mai pensarlo prima... Lo sai che sono quella dell'ultimo momento! Da allora, come vedi, ce l'ho sempre al collo... Ne vorresti uno anche tu?

    RispondiElimina
  11. Carissime,
    è sempre un piacere seguirvi sul blog. Prima o poi proverò anche io a fare questo lavoro rilassante. Nel frattempo aspetto di vedere quello indossato dal giovane artista che vive a New York e saluto tramite voi. Complimenti alla maestra per le sue sempre nuove idee!

    RispondiElimina
  12. Caro Newyorkese, ho pensato molto a questo commento e sono sempre più convinta che le espressioni di meraviglia, le spinte e le occhiate non siano solo per il baktus, molto bello di sicuro, ma soprattutto per il tuo stile da artista italiano nel portarlo.... complimenti! Continua a seguirci.

    RispondiElimina
  13. Eccome che ne vorrei uno anch'io ma come faccio a chiedertelo??? Avrei voluto prima stupirti io con una sorpressissima e poi chiederti un baktus ma come sai i miei tempi sono così dilazionati ... se poi mi metto a confronto con voi che riuscite a farne di tutti i colori, sia in termini di knit-lavori che di incontri (gite, merende, cene ....) ma forse la uggiosa giornata di oggi mi farà produrre qualcosa... baci a presto grandi donnne !!!

    RispondiElimina
  14. Ciao, sono Tiziana, e quest'estate una mia amica al mare mi ha fato scoprire il Baktus, troppo forte, mi ha consigliato il tuo blog, davvero stupende le tue sciarpe, mi sono iscritta tra i tuoi follew, ma se vuoi passa nel mio blog mi farà molto piacere.
    Buonagiornata da Tiziana

    RispondiElimina
  15. eccoli qua "i tuoi baktus" è davvero una mania:) bello il tuo angolino

    RispondiElimina
  16. Anch'io ne ho fatti parecchi di baktus di vari colori, la lana che mi piace in assoluto per questo ti po di lavoro è la Schoppel Zauberball perchè ha dei colori fantastici a gradazione...In vacanza in un wellness hotel a marlengo ho scoperto questa lana che è una meraviglia....te la consiglio!

    RispondiElimina
  17. Il trionfo è di chi scopre a fondo i segreti di un prodotto eccezionale. Scopri anche tu sciarpa ad anello lavorata a maglia. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ3NTA3NDk0NywwMTAwMDAxMyxzY2lhcnBhLWFkLWFuZWxsby1sYXZvcmF0YS1hLW1hZ2xpYS02NDE4Lmh0bWwsMjAxNjEwMjYsb2s=

    RispondiElimina
  18. Se cerchi un prodotto eccezionale... devi andare in un posto eccezionale. Scopri sciarpa ad anello lavorata a maglia. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ3OTM4MTM2MywwMTAwMDA0OCxzY2lhcnBhLWFkLWFuZWxsby1sYXZvcmF0YS1hLW1hZ2xpYS02NDI2Lmh0bWwsMjAxNjEyMTUsb2s=

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari