SCIROPPO DI SAMBUCO


Mi sono accorta (e qualcuno mi ha dato conferma dello stesso dato) che in questi mesi estivi i visitatori del blog diminuiscono fisiologicamente. Probabilmente perché tutti vanno in vacanza e si preferisce stare all'aperto, godere del caldo in spiaggia, in montagna, al lago, ovunque. Per me, invece, non funziona così, perché questo è il periodo in cui ho più tempo a disposizione e così riesco a fare un sacco di cose che vorrei raccontarvi, così tante che non riesco a stare dietro ai post, per lasciarvi comunque il tempo di leggerli.
 
Mi è successo così di non riuscire a pubblicare tutto e di avervi raccontato solo ciò che era appena successo. Ora devo decidere se voglio pubblicare più spesso o pubblicare quando è già passato un po' di tempo.
Tra le cose che ho fatto e che volevo mostrarvi c'è lo sciroppo di fiori di sambuco, che quest'anno ho fatto per la prima volta.
 
Ho raccolto dei bellissimi fiori di sambuco in alta montagna e li ho dapprima messi a bagno con un litro e mezzo d'acqua e un limone a fette.
 
Dopo circa 48 ore li ho filtrati, aiutata da mio figlio, quello che è più portato per la cucina, semplicemente con uno strofinaccio pulito. Ho quindi aggiunto un chilo di zucchero ed ho portato il tutto ad ebollizione per circa dieci minuti. A questo punto, mentre tutto era ancora bollente, l'ho messo in bottiglie di vetro, chiuse con cura.
Devo dire che esistono molte versioni di questa ricetta: qualcuno ci mette persino un bicchiere di aceto prima della bollitura, altri cambiano i tempi di ammollo o di bollitura, ma come ogni ricetta è personale e può essere variata.
 
Il risultato è uno sciroppo dal gusto particolare e dolciastro, che va aggiunto all'acqua per regalarci una bibita gustosa, dissetante e non gasata.
Sono molto contenta perché, benché l'estate non sia di quelle torride che invitano a bere continuamente, mio marito si porta una bottiglia di questa bibita ogni volta che va al lavoro e dice di trovarsi molto bene.
 
Ora sono sicura che lo rifarò ogni anno.
Alla prossima.
Lara.

Commenti

  1. buono, mi ricordo da piccola che una cugina di mio papà faceva il vino di sambuco era buonissimo e frizzante......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ricordi della nostra infanzia hanno sempre sapori particolari, ma quel vino dev'esser stato buonissimo. A presto.

      Elimina
  2. Anch'io ho provato a preparare il succo di sambuco questa primavera, con una ricetta che non prevedeva la bollitura per cui ho dovuto consumarlo rapidamente. È piaciuto molto in casa mia e voglio provare la versione a"lunga conservazione" il prossimo anno. Buona estate! Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà credo che nemmeno il mio durerà molto a lungo, ma per sicurezza... A presto.

      Elimina
  3. Non ho mai provato , ma l'anno prossimo lo farò! Va bene anche il sambuco di città?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il sambuco di città sia uguale, no? Solo magari più esposto? Provaci. Vedrai che soddisfazione. A presto.

      Elimina
  4. Buongiorno Lara, e' ottimo lo so. L'ho fatto anch'io, la mia ricetta e' un po' diversa...per una decina di fiori metto quattro limoni due litri d'acqua, lascio a riposo per quattro giorni.....poi è uguale alla tua ma metto mezzo bicchiere d'aceto. Come dicevi ci sono parecchie varianti ma il risultato e' sempre buono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che tu sia più esperta di me nel farlo, magari terrò conto anche della tua ricetta quando riproverò. A presto.

      Elimina
  5. Molto rinfrescante lo sciroppo di sambuco. E' da anni che mi dico: l'anno prossimo lo farò, ma poi...... finora senza esito positivo, he he
    Buona settimana, smack
    Woody

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sei più presa a ricamare i capolavori che ci presenti.... ma vedrai che prima o poi troverai il momento giusto. A presto.

      Elimina
  6. Sicuramente molto dissetante questo sciroppo,nel prato vicino a casa c'è una pianta ma ormai sfiorita...proverò il prossimo anno...e quei bei dolcetti cosa sono?buona settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei dolcetti sono dei panini al latte che ho presentato nel post "ce l'ho fatta" nello stesso periodo in cui ho fatto lo sciroppo. A presto.

      Elimina
  7. Hai ragione ,l'ho fatto anch'io (aggiungendo mezzo bicchiere di aceto di mele) è delizioso e molto dissetante ciao M.Grazia

    RispondiElimina
  8. Grazie della visita e del commento. Mi piace l'idea dell'aceto di mele, mi sembra più... gustoso. A presto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari