Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

domenica 14 luglio 2013

PASSEGGIATA 2

Quando vi ho raccontato, nel precedente post, della nostra passeggiata, il mio computer faceva le bizze e non sono riuscita a mettere altre foto che volevo mostrarvi per raccontarvi di quel bellissimo posto.
Per esempio non vi ho raccontato com'era belloosservare il laghetto e guardare attraverso l'acqua limpida per vedere tutta la vita che passava di lì.
Non vi ho nemmeno raccontato dei bellissimi cespugli di rododendri che incoriciavano come un quadro quel bellissimo posto.
e nemmeno di questi fiori che ho immaginato essere della famiglia delle orchidee..

E così non sono riuscita nemmeno a raccontarvi della "Grapa di Vaia" che è conservata in questa chiesetta.

"La grapa" di cui vi sto parlando è un teschio molto vecchio che si trova nella Cappella della foto e che, secondo la leggenda che ho cercato di conoscere in questi giorni, apparteneva ad un pastore che era morto da quelle parti. A quanto si racconta, il teschio del pastore continuava insistentemente ad emergere dal lago, come se non volesse stare lì e così chi lo vedeva pensò di dedicargli questa cappella. Sì, fa un po' impressione, lo so, ma è comunque qualcosa che la gente si è portata dietro come tradizione, come storia delle proprie genti, raccontata di padre in figlio.
Spero comunque di non avervi annoiato e vi rimando
alla prossima.
Lara

9 commenti:

  1. Altro che annoiato, mi hai fatto passare dei bei momenti in questo luogo così magico. Almeno mi sono un po' rinfrescata, visto il caldo che fa a Genova ^_^
    A presto, Ely.

    RispondiElimina
  2. Cara Lara, quel fiore giallo non è un'orchidea ma una "Genziana punctata", bellissima. La tua passeggiata è bellissima, invidiabile. Chissà che fresco
    lassù.

    RispondiElimina
  3. Lo so, cara Cinciarella, che in fatto di fiori di montagna non ti batte nessuno... Anche a me piacerebbe saperne di più e forse proprio con te potrei imparare qualcosa... Quanto ad Ely la ringrazio per la sua costante presenza... Credo che un po' ci somigliamo e capiamo... A presto, carissime. Lara

    RispondiElimina
  4. Cara Lara, assolutamente no: hai fatto delle bellissime foto e le hai raccontate altrettanto bene: post stupendo!!
    Claudia

    RispondiElimina
  5. Ciao Lara, a volte i pc fanno perdere la pazienza, ma questa volta ci hanno permesso di godere di due post con belle foto ed anche un racconto, grazie.

    RispondiElimina
  6. Grazie, Birbolina, sono contenta che ti siano piaciuti...

    RispondiElimina
  7. Ultimamente non riusciamo a berci neanche un caffè "veloce", ma almeno cerco di seguirti. Ciao

    RispondiElimina
  8. Lo so, lo so che mi segui ma presto arriverà anche il caffè, non preoccuparti! A presto

    RispondiElimina