A TAVOLA 2

Quando ho visto i tovaglioli azzurri dell' amica di cui vi ho parlato nel precedente post, ricordando quelli che sto per mostrarvi, mi sono detta: " non devo far vedere a nessuno il retro di quei tovaglioli."

Avevo preparato il materiale, già prima di Natale, per fare una serie di tovaglioli divertenti, come quelli che vi avevo presentato qui, ma in versione invernale.

Una delle scorse serate, mentre fuori il freddo pungeva e in casa godevamo del tepore emanato dalla stufa, mi sono messa al lavoro. Non mi piace disegnare prima il lavoro, lo so, è un mio difetto e allora ho ricamato con punti che non so se si chiamano così ma a me sembrano filza, ossia "dentro e fuori", ritornando poi indietro per riempire gli spazi. Ho fatto il lavoro come se stessi facendo un disegno, così come veniva, e in effetti il risultato non è da premio artistico.

Pensavo, però, mentre facevo questo lavoro, che avrei potuto farlo fare anche a dei bambini, naturalmente disegnando per loro, ma l'idea di andare dentro e fuori con l'ago, seguendo una linea, potrebbe riuscire proprio a tutti. Anzi, forse rimarrei stupita della manualità di alcuni.
Comunque vedrò se tornerà l'occasione di fare qualcosa con loro, intanto mi diverto io... come una bambina.

Che altro dire se non che ora sulla mia tavola avrò nuovi disegni, nuovi colori e nuovo divertimento... con i miei figli che hanno già deciso quale vogliono ed io che non li confonderò di sicuro.
Ora lascio a voi la visione dei lavori e per favore, siate clementi, non pensate che tutto debba essere perfetto: ci si può anche divertire, no?

Alla prossima
Lara

Commenti

  1. Mi piacciono molto, sia i colori che i ricami. Se hai voglia di creare non lasciarti frenare dal timore di non fare bene. L'importante è buttarsi e divertirsi. Ely

    RispondiElimina
  2. Sono molto carini, io li metterei da parte per la tavola di Natale, nel tuo caso solo per la colazione perchè a pranzo solitamente hai invitati da far invidia ad un ristorante.

    RispondiElimina
  3. L'importante è creare, soprattutto per i bambini. Alle mie figlie quando erano piccole insieme al cucchiaino per la pappa le ho dato i pastelli per colorare. Poi naturalmente crescendo scelgono loro i propri hobbies.
    A presto Susy

    RispondiElimina
  4. Divertirsi, questa è la parola chiave,molto allegri e decorativi, brava.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lara, grazie mille dei complimenti e di essere passata per il mio blog!Questi tuoi lavoretti molto carini proprio perchè imperfetti. Hanno un non so che di rustico! =D brava!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari