IL GOLFINO ROSA





Partiamo con questo meraviglioso papavero, che mia cognata ha praticamente visto sbocciare ed aprirsi il 2 ottobre in montagna, una bella sorpresa, davvero, e un regalo alla sua passione per i fiori.







Poi, in attesa del knit di ottobre finalmente autunnale, con la stufa accesa e... non posso scriverlo ora, altrimenti finisce la sorpresa.... dicevo.... nell'attesa, ho pensato di mostrarvi uno dei lavori che ho fatto in questo ultimo anno.


E' un golfino per la mia bimba, che più che altro è un coprispalle e l'ho "copiato" qui.



Mi fa un certo effetto dire che l'ho copiato, perchè è forse il primo o secondo lavoro che copio interamente da un modello già fatto, in vita mia.



Di solito prendo il filato, pensando solo per chi voglio lavorare, e metto su i punti, quasi sempre ad occhio. Comincio qualche bordo di finizione e poi ... lavoro al modello!



Spesso cambio idea strada facendo, aggiungo punti se mi sembra troppo semplice oppure ad un certo punto cambio lavorazione, tolgo maglie o ne aggiungo e adatto misure per non rifare, cambio spesso tutta l'idea di partenza.




Non che questo mi faccia sentire meno brava di chi è meticoloso e rigoroso, ve l'assicuro. Io mi sento molto "libera" quando lavoro ai ferri perchè sento che la mia mente va lontano, fa pensieri sempre positivi e mi rasserena. Esprimo forse così la mia libertà, costruendo durante il percorso il mio punto d'arrivo.




Certo ragazze, non voglio dire che il mio ragionamento sia corretto, ma lasciatemi pensare che ciò che vi ho detto sia vero, cosicchè il mio volo libero sia davvero fantastico...




Ehmm... Scusate la mia divagazione e torniamo al modello: il punto a grana di riso mi piace molto ed è sempre d'effetto,







ma mi è piaciuto molto lavorare anche il bordo all'uncinetto, spiegato molto bene da garnstudio, veloce da fare e di grande risalto sul golfino.





Anche la manica scende piuttosto bene e non è intera, ma lascia un pezzo libero dello scalfo.





Nel modello originale ci sono due bottoni, io ne ho messo solo uno, ma il risultato mi piace ugualmente.




Mia figlia ha indossato questo mio lavoro sopra abitini o magliette e in ogni caso mi piaceva l'insieme.




Ho imparato che qualche volta potrei anche copiare dell'altro, pur mantenendo viva la mia creatività.




P.S. A conferma di ciò che ho scritto potrei mostrarvi altri lavori che ho fatto per i miei figli, senza modello, che ne dite?




Lara

Commenti

  1. preferisco pensarti libera di esprimere il tuo "io" che non è niente male... Comunque sia ogni tuo lavoro è bellissimo... (piccola sviolinata in attesa di un lavoro dedicato a me!!!) Baci la tua sorellina...

    RispondiElimina
  2. Cosa c'è di più bello, di essere libere di fare ciò che si vuole? Metti a frutto la tua creatività! brava Lara sei mitica!

    RispondiElimina
  3. ...la cosa veramente bella del lavoro hand-made è che, se pur copiato, rimane sempre una cosa originale e unica perchè ognuno oltre a mettere la propria "libertà" ha uno stile particolare nel fare un punto piuttosto di un altro e nel scegliere i colori più adatti per chi riceve il prodotto finito ...
    un abbraccio grande ...

    RispondiElimina
  4. Trovo riposante seguire pari pari le istruzioni di un modello, ma raramente mi riesce. Faccio come te, aggiungendo e togliendo, accorciando, allungando....questa , io dico, è creatività. O no?

    RispondiElimina
  5. Guai a te se inizi a "copiare"!!! non ti riconoscerei più!
    Bellissimo il golfino, e anche la baby-modella.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari