Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

domenica 13 marzo 2016

PULCINO O GALLINA?

Che cosa si può fare, in una sera in cui si è un po’ stanchi, con una gugliata di cotone giallo e pochissimo cotone bianco, un bottoncino e un uncinetto?

Semplice… Pensando alla Pasqua che sta ormai arrivando, mi è “cresciuto” tra le mani questo animaletto, che alla fine non sapevo se chiamare pulcino o gallinella.

Ho fatto un cerchio di quattro righe di punto alto, l’ho piegato e chiuso usando il punto basso tutt'intorno. Ho aggiunto una specie di testina e un piccolo becco rosso.
Un bottoncino da una parte e uno dall’altra (riciclati da una vecchia camicia) ed era pronto per essere appeso ad un ramo pasquale o per becchettare qualche seme qua e là.

Con questo lavoretto voglio augurarvi Buona Domenica e che sia una giornata felice e serena, che vi accada qualcosa per cui possiate dire: “Che bella giornata!”
Alla prossima.

Lara.

4 commenti:

  1. Molto bella!Brava!Anche io mi sto studiando qualcosa per Pasqua!

    RispondiElimina
  2. A volte le cose nascono così, per caso, senza che dobbiamo pensarci molto... Buona domenica. A presto.

    RispondiElimina
  3. Che allegra gallinella...sto lavorando pure io ad una presina!!!Che bella la foto con i tuoi monti sullo sfondo!!Buona Domenica!!!

    RispondiElimina
  4. Ogni occasione è buona per mettersi a creare... La finestra è quella della mia cucina e le montagne sono quelle che vedo quando mi affaccio, cioè quando sono davanti al lavello... A presto.

    RispondiElimina