Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

domenica 29 settembre 2013

PEPERONCINI PICCANTI

Tra i tanti prodotti che ho raccolto in questo periodo c'erano anche dei bellissimi peperoncini piccanti, rotondi e rossi, frutto di un'unica piantina che avevo messo a dimora tempo fa.

Pensate che quella piantina l'avevo portata a casa dopo una gita scolastica a maggio, visto che l'uscita prevedeva un viaggio alla scoperta dell'olio d'oliva, in un'azienda agricola del Garda.
Devo dire che il raccolto è stato molto soddisfacente e un giorno ho pensato di provare a metterli via da conservare.

Ho trovato la ricetta sul blog di cucina Giallo Zafferano, ricco di ricette di ogni tipo ed esauriente nelle spiegazioni.
Qui stavano asciugandosi dopo la cottura.
Ho seguito tutti i passaggi e devo dire che il risultato mi ha dato soddisfazione.
Che dire? Se inviterò qualcuno a pranzo o a cena potrei offrirli come assaggio.
Alla prossima.
Lara 

domenica 22 settembre 2013

COLLO GIALLO NATURALE

Forse poche se lo ricorderanno ma in questo post vi avevo dato un assaggio del lavoro nuovo che avevo iniziato. Il filato utilizzato è quello che Cinciarella ha colorato per me, giallo naturale e caldo.

Volevo farmi qualcosa di personale, questa volta, visto che ho in previsione invece molti lavori per altri.
Un collo mi sembrava un modo comodo di portare tutto l'inverno con me il colore che mi piace di più.

E' caldo e molto avvolgente e anche oggi, mentre facevo alcune foto fuori, l'ho tenuto al collo molto volentieri.
Anche la mia bimba lo trova molto carino e questo mi fa pensare che qualche volta lo vorrà in prestito: io potrei farmi prestare uno dei suoi...

Il punto? No, non preoccupatevi... Sembra un po' complesso ma non lo è assolutamente. E' praticamente formato da quadrati di punto grana di riso di due per due alternati a quadrati di coste, per 10 giri.


Più facile da fare che da spiegare, in ogni caso ho provato a fotografarvi le spiegazioni, che provengono dal libro TUTTI PUNTI MAGLIA di Mani di Fata, che è una fonte meravigliosa di punti e spunti...
Provare per credere!
Alla prossima.
Lara

venerdì 20 settembre 2013

SEMPLICE E VELOCE

Avrei voluto, proprio oggi, mostrarvi il mio ultimo lavoro in giallo, ma impegni diversi non mi hanno ancora permesso di mettermi a fotografarlo come si deve... ( sempre con l'idea di riuscirci... )

 Ho quindi cercato tra le mie fotografie già fatte nei giorni scorsi ( anche voi forse fate come me per portarvi un po' avanti? ) ed ho trovato questo semplicissimo braccialetto tra la serie infinita di scatti.

L'ho fatto un anno fa o forse anche di più, ma non mi convinceva e l'ho riposto subito nella mia scatola degli oggetti così così.
L'altro giorno, andando al lavoro, ho pensato di metterlo al polso e...
qualcuno l'ha notato e nella stessa giornata ho ricevuto più volte i complimenti per questo semplice oggetto.
Ho così rivalutato questo mio lavoro ed ora ho voglia di proporvelo.
Semplice e veloce, è formato da dei fili di catenella e punto basso, tenuti insieme da un quadratino di punti bassi e da un bottoncino bianco in madreperla...
Semplice e veloce...
Alla prossima
Lara

venerdì 13 settembre 2013

SALE AROMATIZZATO...

 No, credetemi, non ho fatto proprio nulla di speciale, se non un semplice sale aromatizzato alle erbe che mi ha dato però molta soddisfazione.
Dapprima ho preso nel mio piccolo orto alcune foglie di salvia ( quella stretta perchè quella a foglie larghe mi piace impannarla), alcune foglie di alloro e qualche rametto di rosmarino.
Dopo averle accuratamente lavate tutte ad una ad una le ho sistemate su di un'asse coperta di carta assorbente. Devo aggiungere che mi sono divertita durante quest'operazione...
Sono rimasti, coperti da due strofinacci per evitare che si sporcassero, a seccare all'aperto per diversi giorni e finalmente ieri erano secchi a puntino.

Ho cominciato a sminuzzarli con il mio robot da cucina che però, essendo un po' datato, mi ha lasciato i pezzetti troppo grossi e così ho pensato di far passare il sale mescolato alle erbe in un colino a maglie larghe.

Alla fine di tutto il lavoro il sale aromatizzato era pronto per essere utilizzato. Solo qualche ago ( si chiama così?) del rosmarino era passato intero.

L'ultimo passaggio prevedeva quindi il mettere il prodotto in un vasetto adatto: ho usato un vaso in vetro di riciclo che mi sembrava buono per il fatto che è scuro e che il tappo è a vite. La misura era perfetta per le dosi (calcolate così come venivano) di quello che avevo usato.

Vi assicuro che il profumo che inondava la cucina e le mie mani ieri sera era davvero meraviglioso e oggi il sale, messo su delle semplici bistecche di tacchino, ha fatto dire ai miei figli che erano proprio buone.
Per me una grande soddisfazione anche se niente di particolare.
Alla prossima.
Lara

lunedì 9 settembre 2013

STORIE NELLA STORIA

Qualche volta si può cominciare a raccontare una storia e accorgersi che dentro quella storia ce ne sono altre, tutte interessanti e alcune divertenti.
In questo post vi racconterò di una lana speciale, di un lavoro speciale fatto per tingerla, di un momento speciale passato con i miei figli e di un lavoro che mi sembra abbastanza speciale.
La storia comincia in Abruzzo, dove una mia amica, affascinata dal posto e dalla produzione del luogo, ha comprato due gomitoli di pura lana, e quando dico pura intendo proprio pura, che apparteneva al progetto "Vesti l'ambiente", e me li ha regalati.
Erano, e capirete il perchè del passato, in colore panna naturale molto caratteristico e "caldo".
La stessa mia amica un giorno decise di mettersi a colorare la lana che aveva preso per sè come vi mostra qui, divertendosi, secondo me, moltissimo nello sperimentare un'attività così gratificante. Con i fiori raccolti aveva colorato il suo filato di giallo.
"Vuoi che colori anche il tuo, con i fiori avanzati"? mi chiese al telefono.
"Certo che sì", accettai e addirittura lasciai la borsina con la lana fuori di casa e lei dovette venire a prendersela... Servizio decisamente completo!
Il giorno dopo la matassa era pronta, nel colore giallo, il mio preferito, naturale e prezioso.


Aspettai il momento giusto e cominciai a fare il gomitolo con i miei figli più piccoli, spiegando loro quanto mi piaceva veder sfilare la lana dalla matassa sulle mie mani quando era mia nonna a chiedermi di aiutarla.


Si facevano nodi di continuo e lei, con infinita pazienza li sistemava, ma la matassa era spesso molto più grande e così rimanevamo per lungo tempo a chiacchierare e fare gomitoli.
Alla fine del gomitolo mia figlia mi ha chiesto: "Ne facciamo ancora mamma?" 
Ora che il gomitolo era fatto ero impaziente, le mie mani fremevano all'idea di cominciare ad usare quel filato così prezioso, nell'intento di fare qualcosa per me.


Ecco allora il punto scelto: mi sembra molto simpatico e divertente e mi ha coinvolto così tanto da farmi proseguire a passi lunghi nella costruzione di questo oggetto, di cui secondo me avete già intuito la forma ma che mi riservo di mostrarvi in un altro post, per non annoiarvi.
Alla prossima
Lara  

lunedì 2 settembre 2013

GIALLO DI SETTEMBRE

Avete presente quei giorni in cui ci si sente carichi e le nuove idee continuano a girare per la testa? Oggi, pensavo ad una cosa e subito me ne veniva in mente un'altra, provavo a perfezionare un progetto e dopo poco mi trovavo ad averne uno nuovo. 
Tra tutti quelli che oggi mi hanno entusiasmato è nato
(o meglio sta nascendo) questo che chiamerò MESI A COLORI.
Ad ogni inizio del mese farò un post in cui metterò tutte le foto che rappresentano oggetti che mi circondano e che saranno di un colore specifico: per il mese di settembre ho scelto il giallo, che è anche il mio colore preferito e che mi porterà dritta dritta al prossimo progetto, di cui voglio parlarvi con calma. 
Ecco allora


sono gialli i fiori....
       

è gialla la copertina del quaderno che mi accompagnerà quest'anno...

è giallo il centrino fatto in un ritaglio di tempo...

é giallo anche il centro di questa dalia nel mio giardino...


c’è del giallo anche nello sport: oggi tennis….
 


erano gialle le uova pronte per la frittata…


sono gialli gli ultimi fiori di iperico...

ed infine è gialla la bellissima lana di cui vi parlerò fra un po’…
Spero di avervi incuriosito tanto quanto sono curiosa io di vedere dove arriverà quest'idea.
Alla prossima.
Lara




domenica 1 settembre 2013

SETTEMBRE.

Settembre con l'aria nuova,
settembre con il sole meno caldo,
settembre del ritorno al golfino di lana,
settembre di nuovi incontri per i bambini,
settembre di nuovi colori e di nuovi sapori.
Fin da quando ero bambina il mese di settembre è sempre stato uno dei mesi che mi piacciono di più, vicinissimo per preferenza al mese di dicembre. Da sempre è stato per me motivo di nuovi inizi, a cui pensavo sempre con entusiasmo e voglia di fare: prima la scuola che iniziava e mi dava soddisfazione come piccola alunna...
Poi, più grande, settembre era la fine del lavoro stagionale e il ritorno a ritmi più piacevoli....
Ancora in seguito, da quando sono insegnante, settembre è tempo di novità, di cambiamenti, di dubbi, anche, ma da affrontare con l'entusiasmo di sempre, nella convinzione di riuscire a fare tante cose.
Prima di iniziare il nuovo anno scolastico mi propongo sempre di riordinare tutto, di iniziare il nuovo periodo con tutte le cose a posto, per trovarmi facilitata poi.


Settembre: l'uva è quasi matura!
 Qualche volta ci riesco, altre meno, ma quest'anno ho un nuovo obiettivo per questo settembre: riordinare il blog, prendendo spunto dall'aria settembrina di novità, darò (se riuscirò) nuova luce e nuova veste a questa grande finestra che mi permette di guardare il mondo da un'altro angolo e raccontare un po' di me, sperando di non perdere per questo i lettori che ci hanno seguito fin quì.
Partirò forse dalla presentazione, che parlava del lavoro di quattro ragazze con la stessa passione, ma che ormai dovrà parlare solo della sottoscritta, perchè gli impegni sono davvero tanti e anche se riusciamo a trovarci per qualche caffè, in realtà non riusciamo a scrivere tutte sul blog. Infatti le cose sono da tempo un po' cambiate: Graziella scrive sul suo blog Con un filo, Barbara scrive con Ilaria su Briciole di Pollicino e Marisa è molto presa a causa dei suoi impegni famigliari.
Mi auguro che questa mia voglia di novità possa diventare occasione di nuovi incontri tra di noi e con tutte le amiche che abbiamo incontrato durante questa avventura, ed io continuerò a raccontarvene la storia, ma intanto credo sia giusto così...
Alla prossima
Lara