Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

venerdì 23 agosto 2013

I RICAMI DI PAG

Nel mio post in cui vi raccontavo delle mie vacanze vi avevo accennato ai ricami che avevo potuto vedere sull'isola di Pag.
Ho scoperto sul posto che proprio questo paese viene ricordato per i pizzi particolari che le donne dell'isola creano per se stesse e per i turisti di passaggio.
Appena imboccata la stradina che si avvicinava alle solite bancarelle con merce tipicamente marina, venni richiamata da mia figlia che aveva notato dei pizzi e centrini appoggiati ad un semplice pannello in cartone. Di corsa una signora mi raggiunse con in mano un uncinetto e un gomitolo nell'altra. Erano i suoi lavori, quello che lei voleva mostrarmi perchè io potessi pensare di comprarli.
Mi fece vedere il prezzo scritto in fila e in ordine su un foglietto e me lo indicò tra gli altri. Erano poche Kune e ancor meno euro. Decisi di acquistare un piccolo centrino ed un fiore, che mi sembravano molto belli.

Sono entrambi fatti a filet e mi piacerebbe mettere tra i miei progetti l'idea di copiarli e di farne qualche altra copia.

Continuando sulla stessa strada e oltrepassati i negozietti di souvenir, vicino alla chiesa della piazza centrale vidi appunto la stanza in cui erano messi in mostra lavori vecchi e nuovi fatti dalle donne del posto.

Coperte meravigliose fatte a filet con bordi molto elaborati e particolari...

Centrini fatti con l'ago da cucire che, seguendo schemi disegnati, creavano disegni fantastici sottili e preziosi...

E poi ancora altri pezzi che erano costuditi nelle bacheche con cura...

Uscita dal locale mi sono incamminata verso il parcheggio e proprio su quella stradina han cominciato ad affacciarsi anziane signore che mi mostravano grandi e piccoli lavori fatti con le loro mani. Alla nostra curiosa domanda: " Quanto costa?" mostravano sempre un foglietto con scritti molti prezzi e con il dito ne indicavano uno, per poi spostarlo subito dopo e mostrare quello più basso.
Si trovavano sulle entrate delle loro case e appese si potevano trovare lavori bellissimi, talvolta uguali tra di loro, altre volte più originali, ma tutti fatti con filati sottilissimi.
Ho comprato da un'altra signora una simpaticissima pattina per la cucina, che potevo scegliere tra vari colori...
Anche questo mi sembra un modello che si potrebbe utilizzare per altri progetti, ma intanto potrò ammirarlo nella mia cucina.
Ho goduto quel giorno della visione di lavori bellissimi, che mi hanno fatto immaginare quelle signore che, durante l'inverno senza turisti, preparano oggettini che possono portare loro soddisfazione e qualche soldino...
Alla prossima.
Lara

domenica 18 agosto 2013

COSA SERVE?

Cosa serve per rimettersi a lavorare ad un progetto che da qualche giorno è appoggiato sul tavolo dei lavori in attesa di essere ripreso?
Cosa serve per rimettere i punti, quanti ne servono per fare un secondo pezzo, dopo aver contato quelii del primo?
Cosa mi può far alzare dal divano comodo per andare a prendere il lavoro e sconfiggere il sonno?
Basta incontrare, durante la passeggiata serale, un'amica che sta lavorando all'uncinetto, vedere il cesto di lane colorate che si porta dietro sul suo terrazzo e sentire la voglia di fare che lei stessa sa trasmettere...
Basta pensare a tutte le cose che volevo fare in questa estate così esuberante... e a quelle che non sono riuscita a fare...
Basta pensare che il mese d'agosto sta finendo e tra poco inizierà un nuovo periodo, altrettanto bello ma un po' più freschino...
Basta poco per ricominciare, perchè la voglia di fare non è mai andata via....
Alla prossima.
Lara

mercoledì 14 agosto 2013

CAMMINATA IN MONTAGNA


Una camminata in montagna ci aiuta spesso a sentirci bene, ci permette di godere di panorami meravigliosi e di stare tutti insieme per una giornata diversa. Domenica scorsa dovevamo scegliere tra diversi obiettivi, perchè mio marito ne aveva già pensati diversi, ma all'ultimo momento abbiamo deciso di raggiungere il Rifugio Segantini a 2373 metri di altezza.
Abbiamo preparato lo zaino con il cibo e da bere per tutti e tutta la giornata, un altro con qualche maglia pesante ( per fortuna), indossato gli scarponi e siamo partiti verso la Val Nambrone. Da qui la camminata non è stata molto lunga, siamo andati con calma, ed abbiamo assaporato della brezza alpina che si faceva sempre più fresca.

Le mucche riposavano sotto di noi, vicino all'acqua che scendeva bianca dalla cima. Abbiamo incontrato diverse persone che facevano la stessa strada, qualche volta lasciandoli passare, qualche altra passando davanti a loro.
Sul sentiero si trovavano tantissimi sassi di granito che qualche volta chiedevano passi più lunghi, ma la salita era costante e regolare.
Per mangiare i nostri gustosi panini ci siamo messi dietro un grosso sasso pensando di poterci riparare dal freddo, ma non è bastato a farci stare molto a lungo fermi in quel posto.
Scendendo e incamminandoci verso il rifugio abbiamo potuto così notare questa meraviglia:

Una distesa di fiori bianchi, come battufoli di cotone, copriva i lati di un piccolo stagno. Siamo stati per un po' ad ammirare e fotografare tale bellezza e poi siamo ripartiti.



Il rifugio a 2373 metri.


  Durante il ritorno abbiamo potuto vedere le marmotte, animale solitario e silenzioso, e rivedere le mucche al pascolo, prima di arrivare alla macchina.

Unica nota negativa? La nostra macchina ci ha abbandonati in fondo alla Val Nambrone e fortunatamente mio fratello era nei paraggi e ce l'ha sistemata in modo provvisorio per arrivare a casa. Se non ci fosse stato questo inconveniente sarebbe stata una giornata perfetta.
Alla prossima.
Lara

giovedì 8 agosto 2013

TORNATA!


Quando si ritorna da una vacanza speciale non si riesce in poco tempo e poco spazio a raccontare tutto, perchè tutte le cose che gli occhi hanno visto e le emozioni che il cuore ha provato sono ancora un po' confusionati e mescolati nella testa. Si accavallano, si susseguono e si sbiadiscono o rinforzano nei ricordi.
Resta comunque un senso piacevole di ricchezza, di gioia e di serenità per aver passato una buona settimana con la propria famiglia.
Le foto possono però aiutare nel compito difficile di farvi partecipi del mio viaggio in Croazia.

Tutti i posti che abbiamo visitato regalavano la sensazione di immensità, di spazio, di infinito....
Abbiamo trovato conchiglie piccole, conchiglie grandi, granchi di ogni tipo, pesci che si potevano vedere benissimo per la trasparenza dell'acqua cristallina...
Ho potuto anche visitare una mostra di pizzi meravigliosi a Pag, uno dei paesi presenti sull'isola e farmi venire una gran voglia di creare qualcosa di bello.


Ho anche una bella storia da raccontarvi su questo ma lo farò in uno dei prossimi post, per non annoiarvi...
I tramonti erano ogni sera diversi ed ognuno più bello del precedente...

Il problema era riuscire a fotografarli per bene con la mia macchinetta....
Anche all'alba, all'arrivo dei pescherecci, il panorama era molto bello....

E infine, cibo buono, divertimento, risate e buona compagnia hanno davvero condito con i giusti ingredienti la vacanza in un posto già bellissimo.
Alla prossima.
Lara