Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

sabato 29 settembre 2012

COMPLIMENTI!

In questa settimana di "assenza" della mia macchina fotografica mi sembra proprio che qualcosa mi manchi, che ci siano un sacco di cose da fotografare e che debba finire un sacco di lavori per postarli. Quindi le foto di oggi non saranno particolarmente recenti, ma i complimenti che voglio fare, quelli sì.
Proprio ieri, tornando la sera e aprendo il PC, non ho potuto non leggere, infatti, il post di Briciole di Pollicino, delle nostre amiche pollicine, e così anche la nuova ricetta di Babette.
Hanno iniziato un progetto molto goloso che trovo sia divertente per chi lo organizza e per chi partecipa e così ho voluto ricordarlo anche a chi ci segue da questa parte.
Probabilmente oggi le nostre amiche, reduci dalla notte in Biblioteca, saranno stanchissime e non leggeranno il nostro post, ma sono sicura che presto i miei complimenti arriveranno loro...
Alla prossima (con foto) Lara

domenica 23 settembre 2012

RICICLO HAND-MADE

Sicuramente non mancano a nessuno le idee per riciclare oggetti, soprattutto in questo periodo, e se ne trovano ovunque esempi intelligenti e divertenti. Anche mia nipote, a cui spesso piace mostrarmi quello che fa, ha trovato un'altro oggetto da riciclare.
Mi raccontava infatti che, per stendere la biancheria ed avere a portata di mano le mollette necessarie, utilizzava un cestino che appoggiava sopra o sotto lo stendino.


Immancabilmente, però, le cadeva... ed ecco, però, che qualche giorno fa ha saputo trovare l'idea giusta per risolvere il problema!
Una cucitura in fondo alla maglietta che non riusciva più a mettere, un omino che porta il tutto e persino un po' di pizzo per abbellirlo....
"Cosa da poco", dice lei, ma intanto le mollette non cadono più...
Alla prossima idea...
perchè sono sempre tante, manca solo un po' di tempo...
Lara

giovedì 13 settembre 2012

BORDINO... SPECIALE.

Immagino che anche per qualcuno di voi il ritorno a scuola sia un momento intenso, ma evito di parlarvene per dedicarmi a qualcosa di molto speciale. Già altre volte abbiamo discusso sulla trasmissione di geni creativi e tutte ci siamo sempre trovate d'accordo sul fatto che vedere in casa, o attorno noi, persone creative con filo, di cotone o lana che sia, porta ad essere altrettanto creative.
Come dire, più semplicemente, che da qualcuno di sicuro abbiamo preso l'esempio di tutti i lavori che ci piace fare.
E allora di chi parlerò ora?
Di una delle nostre mamme ( quella della nostra amica che legge libri, avete indovinato chi è?), naturalmente, che ha creato per la sua figliola un bordino per mensola davvero particolare.
Ha lavorato su un tessuto piuttosto rustico, con base bianca e strisce rosse, ricamando dei carinissimi fiorellini a punto margherita e delle foglioline a punto pieno ( correggetemi se sbaglio, per favore...) ma il lavoro più impegnativo sarà sicuramente stato l'orlo intorno alle punte arrotondate.
La mamma della nostra amica Baby ricama da tantissimo tempo e la sua è una mano esperta, sicura e precisa. Le ha decisamente fatto un bellissimo regalo, che potrà sfoggiare a lungo nella sua accogliente casa.
Quindi complimenti e... alla prossima!

 P.S. Devo sicuramente fare i complimenti anche a Marisa che si è decisamente adoperata nel fotografare la vetrina e mandarmi più volte le foto, ma l'impegno ha dato un buon risultato...
Lara

lunedì 10 settembre 2012

AL LAGO CAMPO

Nella Val di Daone di cui altre volte vi ho parlato, continuando a camminare a lato della Diga di Bissina, si può facilmente raggiungere un lago, il Lago Campo, dove tutto si trasforma in un bellissimo e incantevole paesaggio.
Ahimè, la mia macchina fotografica continua ad abbandonarmi sul più bello, ma non posso mancare di mostrarvi almeno uno scatto...
La luce del sole che batteva sull'acqua appena increspata ha fatto il giro del lago, vivacizzandosi se si alzava l'aria o diminuendo quando il sole batteva più forte.
L'acqua era uno specchio per le montagne che tutto intorno le facevano capolino.
E guardando in alto non si poteva non restare incantati da tutte quelle rocce scolpite dall'acqua che sembravano merletti accuratamente lavorati con un filato d'argento.
Se a tutto questo aggiungete la compagnia meravigliosa di persone speciali, riuscite a capire quale bella giornata io e la mia famiglia abbiamo passato lì.
La sera, quando ci si va a riposare la sensazione è piacevole e lascia contenti, per tanto, tanto tempo...

giovedì 6 settembre 2012

SCALDAMUSCOLI

In inglese si chiamano legwarmers e in italiano scaldamuscoli, ma lo scopo comune è quello principale di scaldare i muscoli durante un'allenamento sportivo o di movimento. In realtà negli ultimi due-tre anni hanno preso molto piede e ne esistono di svariati modelli. Su Pinterest per esempio ci si può sbizzarrire nell'ammirarli o nel copiare qualche modello.
Ricordo che i miei primi legwarmers me li ero confezionata a tredici o quattordici anni, insieme ad una mia amica con cui condividevo la passione per la maglia.
Li avevo fatti nel colore rosa baby, in un filato mohair, lavorati a maglia rasata, con i bordini a coste sopra e sotto e mi piacevano moltissimo.
Li mettevo quando incontravo le mie amiche ed ero orgogliosa di portare una cosa fatta da me.
Erano i primi lavori. Ora ho ripreso in mano aghi e filato per farne un paio speciale: alla mia piccola per le sue lezioni di danza, che cominceranno presto!
dance
Quando ho scoperto Pinterest, cominciando a sbirciarci dentro, ho trovato un'immagine che mi piaceva molto ed è stata una delle prime "pinnate" da me.Eccola.
Naturalmente ho ritrovato spesso quella foto ed ora, con i miei mezzi ho tentato di "copiarla", così tenera, calda e pacioccosa...
Come vedete il risultato non è eccellente ma la voglia di mostrarvi il mio lavoro ha superato la pazienza, così questi sono i nuovi scaldamuscoli di mia figlia...
Poichè non voleva che le scendessero mentre si muoveva mi ha chiesto di metterle un elastico: io ho preferito farle un cordoncino a uncinetto a cui si può fare un nodo e che li tiene su. Ho cucito sopra anche un fiore con  una perlina al centro: sarà così più facile trovare il sopra, il sotto, il dietro e il davanti.
Il punto che ho usato è molto semplice ma anche molto d'effetto: è una costa alternata al punto grana di riso che regala un effetto morbido e "pieno". L'ho usato spesso per bordi o maglioncini e il risultato è stato sempre interessante.
Vi do le indicazioni per realizzarlo, se vi piace.
Lo lavoriamo su 5 maglie + 1 di vivagno:
1° giro       1 viv. /1 dir. 3 rov. 1 dir. 2 rov./
2° giro       /1 dir. 3 rov. 1 dir. 2 rov./ 1 viv.
3° giro e successivi ripetere sempre lo stesso motivo, moltiplicando all'occorrenza la larghezza dell'elaborato.

Sperando di avervi dato uno spunto per nuovi lavori autunnali o invernali vi rimando alla prossima.
Lara

domenica 2 settembre 2012

LA RACCOLTA (2)

E' doveroso davvero mettere il numero due al titolo di questo post perché già l'anno scorso vi avevo parlato della mia abitudine a mettere l'orto...
Perché "mettere l'orto" è un'abitudine antica, che prevede il lavoro di preparazione del terreno con il concime naturale ( che puzza, ragazzi!), la scelta degli spazi da dedicare alle verdure, la semina o il trapianto delle piantine già grandi, bisognerebbe tener pulito dall'erba e poi si può finalmente raccogliere qualcosa.
C'è chi sostiene che il lavoro non valga la candela, ma io trovo che la soddisfazione di poter gustare i prodotti del proprio orticello sia molto soddisfacente.
Ho capito e so che ora direte: "bella scoperta" che ogni anno cambiano i tipi di verdura che danno molto risultato, perché tutto è determinato dal tempo della stagione ( quanta pioggia, quanto caldo, quanto sole diretto ecc.).
Così in quest'estate così strana ho potuto raccogliere questi prodotti, di cui mi piacciono molto i colori combinati insieme.
Domani preparerò una bella peperonata ed avrò tempo anche di mostrarvi il nuovo lavoro che ho appena terminato....
Domani, domani.... ora farò due punti a uncinetto o a maglia.
Lara