Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

lunedì 30 gennaio 2012

VI SEGNALIAMO...

In questi giorni in cui alla televisione si continua ad annunciare ancora più freddo, non possiamo scordarci che proprio il 29, il 30 e il 31 gennaio sono i cosiddetti "giorni della merla". Continuo così a pensare a quel bel post che proprio un anno fa avevamo pubblicato qui, con dei disegni bellissimi.
Anche le statistiche del blog sostengono che in questi giorni questo è il post più letto e allora ho pensato di scrivere anche oggi di questa storia. Ma voglio farlo dedicando il post proprio a chi aveva fatto quei disegni. Si tratta di Ilaria che ha preso letteralmente la matita in mano e della sua collega, nonché nostra amica, Baby, che insieme hanno lavorato alla storia. Vi voglio però segnalare il blog che da poco hanno ideato e che ogni giorno aggiornano con informazioni e biblio-notizie interessanti.
Ho sempre sostenuto che scrivere su un blog sia, oltre ad un buon esercizio di scrittura, un buon modo per esprimere ciò che a volte non si dice a voce, o per condividerlo con altre persone e scoprire che altri la pensano come te; insomma un modo per allargare un po' i nostri orizzonti.
Il blog di Baby e Ilaria credo abbia invece uno scopo diverso e le prego di correggermi se sbaglio. In realtà loro allargano i nostri di orizzonti, proponendoci letture interessanti e aiutandoci a cogliere aspetti importanti proprio da esse.
Sono sempre in contatto con i bambini, ma non da maestre, bensì da un posto privilegiato, di proposta e spesso di ascolto nei loro confronti. Chissà quanti segreti custodiscono, di cui spesso ridono, ma che rendono il loro lavoro sempre più affascinante.
Come? Vi state ancora chiedendo cosa fanno?
Barbara e Ilaria LEGGONO STORIE, di animali, fantasmi, della fattoria, sui sentimenti, sulle paure, sugli aspetti, tutti gli aspetti importanti per i bambini.
Lo fanno in modo coinvolgente, aiutandosi con "opere d'arte" che regolarmente Ilaria associa alle storie: disegni, alberi che si trasformano, animali che si muovono ed ogni altra creazione manuale.
Se vi capitasse di andare a trovare Barbara, vi accorgereste che sul tavolino di casa sua ogni volta c'è una pila diversa di libri, di ogni genere, per bambini e per adulti. Vi assicuro che non sono lì solo appoggiati e che spesso lei non ha bevuto il caffè con noi perché doveva leggere. Mi piace tantissimo il motto e il nome che hanno scelto per il blog, che si chiama BRICIOLE DI POLLICINO, dove ogni libro, o pezzo di libro, diventa una briciola da seguire e, volendo, raccogliere.
Insomma, una passione che le ha unite per lavorare insieme ed ora per proporre letture sul web. Noi non possiamo fare altro che augurare loro un grosso IN BOCCA AL LUPO e ringraziarle per il prezioso lavoro svolto.
Lara


sabato 28 gennaio 2012

ERAVAMO IN TANTE!

Vi voglio parlare stasera di un evento che ai più potrebbe sembrare personale, ma che in realtà, come ora vi spiegherò, potrebbe essere definito un knit-evento. Eravamo in tante, oggi, ad accompagnare le nostre piccole (che non sono più così tanto piccole) a Ponte Caffaro, nella sala-cinema del paese, dove ci avrebbero fatto vedere cos'avevano imparato durante le lezioni di danza di quest'anno.
In attesa di cominciare
C'erano le mamme, i papà con i fratelli più grandi e le sorelline più piccole, ma anche le zie, gli zii e le nonne, in qualche angolo della sala. C'erano anche le amiche delle mamme, Baby e Graziella, che non avrebbero mai voluto mancare, e le amiche di Seurasaari, quelle che ci seguono e ci commentano, ed altre mamme amiche pure loro delle mamme e di Seurasaari... (scusate il contorsionismo, per dire che eravamo proprio in tante) Insomma è stato un unire un bel po' di persone, per assistere insieme a quest'evento.
Marisa al lavoro
Forse noi mamme eravamo più "agitate" di loro, ma una di noi ha trovato il tempo addirittura di cucire la scarpetta di un'altra all'ultimo momento, perchè il piedino, ahimè è cresciuto in fretta...
Cara A.concedimi questa: siete bellissime!
Un abbraccio alla mamma per sconfiggere la timidezza...
L'attesa, mentre guardano esibirsi gli altri gruppi
E sul palco un vero spettacolo, come non immaginavo davvero!

Credo che tutte avremmo voluto vederci, guardarci e sorridendo condividere la nostra emozione, come abbiamo ormai imparato a fare, ma poi bisognava tornare a casa, a godere fino in fondo con la famiglia di questo bel momento.
Ci hanno deliziato anche con l'hip hop...
Spero quindi di vedervi presto per ripetervi che è stato davvero molto bello ed è stato più bello sapere che c'eravate anche voi. A presto Lara

P.S. Se qualcuno si riconosce e non approva il post me lo faccia sapere, toglieremo la foto... non preoccupatevi!

giovedì 26 gennaio 2012

LA CATENA


 
No, non voglio parlarvi di nessuna catena di S.Antonio e né di una catena che stringe, ma di un filo, quel filo che ci ha unite più di un anno e mezzo fa e che continua ad ispessirsi, ad avvolgerci, ad unirci. Questo sì, succede a noi quattro, quelle che conoscete e di cui raccontiamo in questo blog, ma già da tempo coinvolge anche altre persone, mamme, zie, nonne, e tutte le donne che amano lavorare ai ferri, all'uncinetto, alla macchina da cucire o con un ago da ricamo. Riflettendo, però, comincio a pensare che forse quel filo non riguardi solo le passioni, ma anche lo stare insieme, il condividere, il passare un po' di tempo con altre persone. Ci siamo accorte spesso di questo, quando ai nostri knit abbiamo invitato, ed hanno accettato di venire, altre amiche che dicono di essersi divertite, e noi ci siamo divertite con loro, ma ce ne siamo accorte anche dai commenti che a volte ci fanno, perché, seppur timide, qualche volta non riescono a farne a meno.
E se vi state chiedendo perché ho fatto questa introduzione, vi rispondo che in questi giorni sento questo filo, sento i giri che fa e che si allarga sempre più, e ne sono contenta.



Il bellissimo disegno fatto da Chiara già un po' di tempo fa racconta di amiche, di colore, di amicizia, di stare insieme. Il biglietto pieno zeppo di tante letterine bianche, che nemmeno lei riusciva a capire,  divertiva un mondo entrambe e a lei sembrava di aver fatto qualcosa da grande.
 I regali che Marisa ci aveva preparato per Natale, soprattutto i pacchetti confezionati con nastrini cuciti ad uno ad uno, raccontano di questo filo.... e in questo post loro (Chiara e Marisa) sono le protagoniste.
Non è mai tardi per rivedere i nostri regali.
Ma non posso certo dimenticare un'altra protagonista che a quel knit, ormai passato, ha partecipato, mostrandoci i suoi lavori. Sto parlando dell'artista che ha confezionato per Natale 12 di questi meravigliosi grembiuli corredati dal cappello uguale, tirato fuori e cucito da grandi pezzi di stoffa.
Voglio solo dire BENVENUTA e a presto a lei e a tutte le amiche che incontreremo presto, attaccate a questo lungo filo... insieme a quelle che abbiamo già incontrato.
A presto Lara

P.S. Se il mio pensiero vi sembra troppo contorto rilassatevi guardando le foto... credo che almeno quelle meritino attenzione.


domenica 22 gennaio 2012

KNIT A COLORI

Ci eravamo lasciati al 31 dicembre con un arcobaleno colorato che ci augurava un sereno 2012. Tra un knit e l'altro abbiamo continuato a creare, a progettare e finalmente a finire qualche capo...

Questa maglietta per la mia bimba l'avevo iniziata già un po' di tempo fa, ma ormai chi mi conosce sa che spesso faccio così: inizio e non finisco fino a che non viene il momento giusto...
I filati sono una serie di gomitoli dai tenui colori, qualcuno con qualche filo lucido, che avevo da parte. Ho iniziato il lavoro pensando prima ad un coprispalle di soli due colori, ho continuato aggiungendone altri e infine il risultato è questa maglietta-gilet che comunque mi sembra carina...

Mi piacciono molto questi colori, ed ho notato che anche la mia piccola la indossa volentieri, sopra i suoi  amati leggins e una maglietta ma anche con una gonnellina. Mentre giocava con la sua lavagna le ho scattato queste fotografie.
Anche i punti, o il punto, è semplicissimo: è infatti solo un gettato ripetuto in modo schematico, che offre però una gradevole visione, qualche riga a legaccio ed è tutto lì.
E' divertente lavorare in taglie small, perché si possono usare colori e modelli fantastici, con buoni e veloci risultati. Infatti ho già in mente altri capi da realizzare per lei, anche se ne sto progettando intanto uno per me...
Scusatemi se ho "osato" queste foto che dovrebbero assomigliare alle tante bellissime che vedo in tantissimi blog: fate finta che vi piacciano anche se magari non lo pensate e lasciatemi "giocare" con la macchina fotografica, mi sto divertendo tantissimo.


A presto Lara

giovedì 19 gennaio 2012

UN'ORA E MEZZA

Tanto è durata la mia knit-serata, ma è stata un'ora e mezza di assoluto, ineguagliabile piacere. Eravamo invitate a casa di Baby per una knit-cena. L'intenzione era quella di fare molto tardi, ma i miei figli influenzati contemporaneamente non me l'hanno permesso. Comunque l'accoglienza è stata come al solito impeccabile, la tavola apparecchiata invitava di certo a sedersi ma ciò che ammagliava in modo superlativo era il profumo che avvolgeva la cucina e tutte noi. Pizza, alle verdure, con olive, capperi e aglio, ma la più buona in assoluto e da provare era quella al gorgonzola con salsiccia e patate.
Un gusto davvero forte che rendeva la cena davvero gustosa. Devo dire e confermare che Baby in cucina ci sa fare davvero, non c'è dubbio, ed ogni piatto è curato e seguito nella ricerca di gusti che si accompagnino in modo appropriato, e di sicuro sa anche trovarli. Anche i dolci erano un vero spettacolo: la torta di amaretti di Marisa, il budino bicolore di Graziella e il dolce speciale di Baby, dei quali vi daremo la ricetta su La tavola di Babette.

Un po' di tecnologia, un po' di lavori a maglia, un po' di progetti, di lavoro, di tutto, le nostre chiacchiere hanno spaziato un po', ma ora, mentre io scrivo, loro si saranno sedute, avranno preso in mano il lavoro, chi a maglia, chi all'uncinetto e avranno abbassato la testa lì, per controllare i punti e per rialzarla ogni tanto e parlare, ridere e ridere ancora.
Guarderanno qualche blog, cercheranno modelli e alla fine torneranno a casa rilassate e più ricche dentro, come mi sono arricchita io in così poco tempo, semplicemente per esser stata in buona compagnia. Buona continuazione di serata, cogliete pure la mia invidia, se leggerete subito il post, e programmate presto un'altra knit-cena. Ci sarò di sicuro, ancora. Grazie alla cuoca... Lara

P.S. Vorrei proprio farvi notare il segnaposto che la padrona di casa ha preparato per noi: non è delizioso?http://www.latavoladibabette.blogspot.com/

lunedì 16 gennaio 2012

DOVE SIETE?

Non mi sto riferendo di certo a nessuna persona, ma a quei fiocchi che di solito in questo periodo cadono dal cielo lievi e coprono ogni cosa.... Quest'anno, dalla nostra finestra, non ne abbiamo visti, per niente, ed un po' ci sono mancati... Ogni stagione, infatti, gode di caratteristiche che miracolosamente si ripetono ogni anno, ed ogni anno ci stupiamo davanti a queste meraviglie.
Stavolta ci stupiamo solo del grande freddo e di giornate serene e chiare....

NEVE NEVE DOVE SEI?

Neve neve dove sei?
Vieni mese di Dicembre
prendi un treno
non tardare
è scoccata l'ora
del nevicare

del nevicare

ne

     vi

ca
  
  re

( tratto da NEVE NEVE DOVE SEI? di Vivian Lamarque e Alessandro Sanna )

A presto Lara

venerdì 13 gennaio 2012

ORA C'E' !

Come già vi avevo raccontato tempo fa, mi diverte un mondo "cercare" in Pinterest tutto quello che mi piace e salvarcelo. Da tempo avrei voluto che tutte le mie amiche ne avessero uno... ( vi immaginate cosa sarebbe voluto dire iscriverle tutte senza che loro lo sapessero?) per confrontarci, per mandarci idee, per copiare modelli a go-go. Loro, dall'altra parte, continuavano a chiedermi di vedere il mio, di metterlo sul nostro blog... Ma, al contrario di quanto a qualcuno possa sembrare, mi piace fare in modo che quello che viene pubblicato sia di tutte, del gruppo intero. Che senso avrebbe avuto mettere il mio Pinterest da vedere? O potevo metterne quattro? Ecco allora l'idea dell'altra sera: un Pinterest (chiamiamola bacheca virtuale in cui inseriamo tutto... ma a me piace paragonarla ad una immensa rivista... ) che porti il nome del blog, che sia "creato" da tutte e a cui tutte possiamo accedere, in assoluta comodità. Ecco allora, il nostro Pinterest a cui potete accedere, care Barbara, Marisa e Graziella, direttamente dal cuore rosso del blog.
Buon divertimento, davvero!
Non vedo l'ora di vedere ciò che inserirete lì dentro.... A presto Lara.

domenica 8 gennaio 2012

KNIT-INCONTRO CON LE AMICHE

Come si è potuto già capire ci piace molto condividere le nostre passioni con le amiche ma anche incontrare alcune di loro. Infatti lunedì con questo buon proposito siamo andate a trovare Rosy a Bagolino, come le avevamo promesso da tempo. La neve non c'era, ma la sua accoglienza era pari se non multipla di quella dell'ultima volta. E' sempre un piacere essere accolti con tanta disponibilità in un clima famigliare che sembra impossibile ma invece è assolutamente reale e vero.
Tutto è assolutamente organizzato e in ordine ma più di tutto sembra dire: " BENTORNATE".
E in mezzo a questo calore abbiamo subito notato sul tavolo della cucina un piatto meraviglioso, nel quale erano riposti tre M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-I angioletti bianchi, insieme ai sacchettini di croccante.


Beh, devo essere sincera, un regalo così prezioso è talmente gradito che non so come esprimerlo...
Rosy ha realizzato il lavoro per noi con estrema precisione e un filato sottilissimo, che gli dava eleganza e finezza.
Ma quello non è stato l'unico regalo della giornata, abbiamo infatti da subito sfoggiato il nuovo braccialetto che Graziella ci ha regalato e di cui parla nel suo blog, insieme ai gustosissimi biscotti.




Rosy ci ha preparato una buonissima torta, ci ha fatto un buon caffè, mentre le nostre chiacchiere erano indirizzate tutte al nuovo "gioiello" di Graziella e a centomila progetti da realizzare, a mano, naturalmente. Siamo riuscite comunque a tirar fuori i nostri lavori e a fare due, dico due righe, altrimenti che knit è?
Ad un certo punto abbiamo lasciato la casa di Rosy per andare a visitare alcuni presepi che gli abitanti di Bagolino avevano preparato, con tecniche diverse, in altrettanto diversi posti del paese.Potete di sicuro  immaginare quanto piacessero alle nostre piccole.
Anche nel presepe qualcuno faceva knit, che una volta si chiamava FILO'....
Questo paese è sempre in movimento, molto animato e pieno di persone, ma avevo l'impressione che quel pomeriggio fosse particolarmente "vivo". Luci delicate mettevano in risalto porte o angoli particolari che mi piacevano molto. Abbiamo comprato.... pane, noci e.... lana e poi siamo tornate a casa, consapevoli di aver passato un'altra bellissima giornata insieme.
Da allora le mie amiche stanno aspettando un post su questo, spero quindi di poterle accontentare stamattina. Buona giornata a tutte. Lara

martedì 3 gennaio 2012

REGALI

E' appena passato il periodo in cui si fanno e si ricevono un sacco di regali. Non sempre ci si sente a proprio agio per un regalo sbagliato o azzardato, non sempre si sa cosa regalare ma quando il regalo è pensato per la persona a cui è destinato diventa un grande piacere per chi lo fa e per chi lo riceve.
Non posso quindi passare ai nuovi progetti e ai nuovi incontri di questo inizio 2012 senza raccontarvi di un regalo che ho ricevuto e che mi ha fatto molto piacere.
(Psss. So che chi me l'ha fatto legge il nostro blog, vediamo se riusciamo a farla commentare....)
Vi dicevo che secondo me i regali fatti a mano sono tutti preziosi ma questo è prezioso già di suo.
Tempo fa avevo fotografato questi splendidi asciugamani, con l'intenzione di farne un post in cui narrare come siamo riuscite a coinvolgere tante persone affinché ci "raccontino" i loro lavori.
Facendo le foto ricordo di aver detto come battuta " Quella L così bella andrebbe bene anche nel mio bagno, a Natale, e ci starebbe proprio bene perché è anche la lettera iniziale del mio nome". Abbiamo riso insieme, ho finito di scattare le foto, un caffè più o meno veloce e poi... son passati molti giorni.
Poco prima di Natale, con grande sorpresa, mia nipote mi ha regalato i magnifici asciugamani che, credetemi, sono direi proprio perfetti ( anche il rovescio, intendo).
Ma la confezione da lei creata era molto singolare: due splendide lumachine facevano l'occhiolino da un letto di rami di pino, con sopra addirittura le pignette.
Beh, che aggiungere? Grazie, questo è stato un regalo davvero gradito e ora, partecipando ai nostri knit, dovrai ricamarne altri per sostituire quelli nella tua collezione.
Grazie di cuore Lara