Chi sono...

Chi sono...
Mi chiamo Lara, amo la semplicità delle cose di ogni giorno e la compagnia delle amiche. Da sempre mi accompagna il mio lavoro a maglia ma mi piace dilettarmi anche con il ricamo, l'uncinetto, la cucina e tutto ciò che può rilassarmi e distogliermi dagli impegni. Mi piace il mio lavoro ma mi piace anche passare del tempo a casa per ritrovare la carica necessaria. Ringrazio tutte le persone che passeranno di qui e quelle che vorranno dirmi la loro opinione sui miei lavori saranno le benvenute. P.S. Dicono di me che il mio bicchiere è sempre mezzo pieno: mi piacerebbe riempire anche quello delle persone che lo vedono mezzo vuoto.

Lettori fissi

lunedì 29 agosto 2011

INVITO SPECIALE...











Non si può raccontare con poche immagini e parole il posto in cui oggi siamo state invitate. C'è una casa, che la padrona definisce piccola, ma che non lo è per niente, circondata da un grande giardino, che dico, parco o meglio "insieme di meraviglie verdi".



Premetto che non ho fatto molte foto, perchè cento scatti non sarebbero bastati a rendere l'idea di una così grande bellezza. Mi sembrava che la mia macchina fotografica potesse non rendere giustizia di tanti particolari, avrei voluto entrare in questo mondo in punta di piedi, senza che niente fosse mosso.




Ogni stanza, ogni mobile, ogni oggetto nasconde un grande AMORE, quello con la A maiuscola, amore per le cose belle, per la natura, per gli animali, per i lavori fatti a mano, per la luce del sole, per le persone che abitano lì.




I tavolini bianchi in giardino, le casette per gli uccellini ovunque, di legno, in ferro battuto, di paglia e perfino di terracotta fanno sentire la vita dentro ogni pianta, in ogni cespuglio, in ogni fiore. In casa ogni nastrino ha senso vicino ad un pizzo, ogni colore ha il suo motivo e il legno è sovrano, caldo, accogliente e ospitale....




Insomma, un'energia formidabile mi ha avvolta, mi ha coinvolta, mi ha fatto tornare a casa con l'idea di dover fare ancora di più per amare ancora di più il posto in cui vivo.





Grazie a Graziella e a Gigliola per avermi fatta partecipe di questo invito, per il caffè, un caffè che ricorderò a lungo, grazie alla vostra amica A. per le poche ma sincere parole che siamo riuscite a scambiare, grazie della magia...


Lara

sabato 27 agosto 2011

ASCIUGAMANI



Vi voglio mostrare i miei asciugamani fatti per la dote moltissimi anni fa, nonostante gli anni e i lavaggi reggono ancora abbastanza bene, che ve ne pare?


Marisa
Sono davvero molto belli!

Anch'io ho una grande passione per gli asciugamani... Spesso li acquisto promettendomi di attaccar loro un bellissimo pizzo o di ricamarli a puntino. A volte ci riesco ed altre no, un giorno vi mostrerò i miei lavori. Intanto a presto Lara

mercoledì 24 agosto 2011

IL PONCHO DELLA NONNA





Quando arriva la fine di agosto, in genere, è arrivato per me il momento di organizzare la casa per i prossimi impegni di lavoro.


Mettendo a posto e sistemando gli armadi, così, trovo cose che, un po' accantonate, non vedevo da tempo ( almeno, a me capita così).


E' il caso di questo piccolo poncho che mia mamma, la nonna, aveva fatto per la mia piccola. NON RIESCO a metterlo in uno di quegli scatoloni con scritto sopra VESTITI PICCOLI.



Mi sembra così prezioso che ho pensato di mostrarvelo.


Mia mamma l'ha sicuramente confezionato a notte fonda, come tutte le meravigliose creazioni che ha fatto, sempre. Sa fare di tutto, dal cucito alla maglia, all'uncinetto e lo fa in modo molto preciso ma ha poco, pochissimo tempo per dedicarsi a queste cose, anche se in realtà le piace molto. La rilassa soprattutto tagliarsi e cucirsi, per esempio, un vestito. Ma ha le giornate così piene che a malapena riesce a "ritagliarsi" un po' di tempo per se stessa.


Ed eccolo in tutta la sua interezza. Ha fatto sei piastrelle quadrate e un triangolo per la schiena con del mohair beige e rosa morbidissimo. Le ha unite e poi ha addirittura preparato due piccoli pon-pon da attaccare al nastro di raso rosa. A me sembra proprio che meritasse un post. Voi che ne dite? Grazie mamma.

Lara

lunedì 22 agosto 2011

BALLATA D'AGOSTO







Oggi, tornando dal nostro knit alla fontana bianca, mi è tornata alla mente una bellissima danza irlandese che mi aveva regalato un'amica speciale... non me la ricordavo a memoria, ma sentivo che poteva avere a che fare con il nostro knit. Trovo che non potrebbe essere più adatta.



TROVA IL TEMPO



Trova il tempo di riflettere,


é la fonte della forza.



Trova il tempo di giocare


è il segreto della giovinezza.


Trova il tempo di leggere


è la base del sapere.






Trova il tempo d'essere gentile,


è la strada della felicità.



Trova il tempo di sognare,


è il sentiero che porta alle stelle.



Trova il tempo di amare,


è la vera gioia di vivere.



Trova il tempo d'essere contento


é la musica dell'anima.





(ANTICA BALLATA IRLANDESE)



Quando la pescai tra tante, la mia amica disse: "Davvero azzeccata!"


Oggi, mentre la regalo a voi, compagne di knit, trovo che sia di nuovo "davvero azzeccata!"


Baci Lara

sabato 20 agosto 2011

DEDICATO A BARBARA





Sì, la nostra amica Barbara è stata assente in questi giorni per le meritate vacanze e, mentre non c'era, non le ho comunicato che questa pianta è fiorita.


E' una pianta a cui tengo molto, proprio perchè è stata lei a regalarmela per il mio compleanno. E pensare che aveva organizzato tutto: noi scendavamo dalla montagna dopo una giornata insieme tra cucina, chiacchiere, fiori e ...caffè e il fiorista doveva arrivare a casa mia con la pianta. Quando me la sono vista davanti ero molto felice, le ho trovato un posto davanti alla porta della mia cucina ed ho aspettato che fiorisse.


L'anno scorso, però i fiori non sono arrivati ed io continuavo a sostenere che, come mi diceva mio marito, il primo anno serviva alla pianta per "ambientarsi". Mi piace lasciare a dimora piante che sembrano non dare più fiori o frutti e credere in una "rinascita", ma l'esperta di giardinaggio è Baby...


Invece quest'anno la pianta è tutta un fiore, che mi sembra di un colore bellissimo.


E con questo cielo a pecorella misembrava meritasse un post.


Lara

martedì 16 agosto 2011

FERRAGOSTO







Del mio ferragosto 2011 vi regalo



1.Lo spiedo sul fuoco: lo sentite il profumino?



2. Un cielo da favola (non è un errore, volevo proprio farvi vedere il cielo).

3. Un panorama caratteristico.





4. Il Lago d'Idro visto dall'alto.
5. I funghi che abbiamo raccolto.





6. Questa immagine del fuoco che mi piace molto.




Forse bastano questi pochi scatti per rendervi l'idea di come basti poco per divertirsi...


Lara

domenica 14 agosto 2011

UN CUORE... GRANDE



In questi giorni sono talmente numerose le cose che vorrei raccontarvi, che quasi non riesco a dirvele tutte, così stasera i post da leggere saranno due.




Il secondo racconta di questa foto





Forse se non ve lo dicessi non vi accorgereste che nei cespugli di rododendri, in alto, si vede un grande cuore. Ieri con mio marito scherzavamo e ridavamo ed oggi scopro che quel cuore è stato "scolpito" da un uomo per la moglie.



In effetti loro hanno davvero un cuore grande: hanno sei figli, un lavoro entrambi e, come ci ha ricordato lui, dedicano l'estate ai poveri, offrendo ai passanti un punto di ristoro presso la loro malga e tutto il ricavato, a offerta libera, lo devolgono ai loro amici del Perù, dove sono stati per sei anni. La storia sarebbe ancora lunga ma queste poche righe bastano a dare davvero senso a quel grande cuore, che ricopre la montagna.



Lara


ACQUA E... NEVE AD AGOSTO



FOTO DELLO STRETTA FESSURA IN CUI SIAMO PASSATI: BELLISSIMO!







Quando si va a fare una camminata di 5-6 ore in montagna si fa il pieno di emozioni e di cose belle da vedere. Ieri abbiamo raggiunto il "Passo del Frate", sui monti di Roncone, a quota 2248m. Quindi di cose da raccontare ce ne sarebbero davvero tante, ma mi limiterò a parlarvi dell'acqua che ha fatto da sfondo a tutto il nostro viaggio.

I Corsi d'acqua e le cascatelle erano ovunque e ad un certo punto abbiamo potuto toccare anche... la neve, quella che non si è ancora sciolta dallo scorso inverno.


La cima, dove si arriva passando da uno stretto cunicolo, permette di vedere le valli da una parte e dall'altra e il grande sasso detto "IL FRATE" è corroso dall'acqua, perchè la roccia è molto friabile. Anche negli stanzoni freddi, costruiti dai militari durante la prima guerra mondiale, si può sentire tutta l'umidità dell'acqua che scorre ovunque, dentro la roccia bianca.

Emozioni di soddisfazione, stupore e positività mi hanno accompagnato durante il percorso e mi hanno caricato di tanta energia, di voglia di fare ancora e ancora.


Al ritorno siamo andati a vedere anche un blocco di neve che, eroso dall'acqua del fiume, formava una specie di grande coperchio.



Credo che questo fiore abbia davvero trovato un posto tranquillo in cui crescere... con poca terra e tanta acqua.
Così le foto raccontano del nostro viaggio e dell'acqua, fresca e pulita che abbiamo seguito.
Lara


giovedì 11 agosto 2011

E SE....








E se, mentre sei al Centro visitatori, scopri che in alcune stanze al piano terra c'è una mostra di quadri tutta al femminile, cosa fai? Non puoi fare altro che rimanere affascinata da ciò che intravedi e poi entrare incuriosita. La mostra è opera dell'Associazione culturale "IL MELOGRANO" di Padergnone. Ho visto la mostra ben due volte, questa settimana, una con i miei figli e mio marito, l'altra con Marisa e le tre bimbe, come sapete.



Devo dire che rivedere due volte le stesse opere aiuta a guardare in modo diverso, da diverse prospettive, forse perchè ogni giorno è nuovo per ognuno di noi.



Entrando, però, non potevo non notare questo quadro, che sentivo molto vicino al nostro knit.




Ma ogni quadro aveva un suo fascino, ognuno esprimeva in modo diverso qualcosa di nuovo... o di vecchio e scopriva emozioni, muoveva ricordi o semplicemente mi affascinava.




Così, dopo questa ennesima sorpresa, mi sono convinta ancora di più che spesso è utile guardare bene dietro ogni angolo, perchè ovunque può essere nascosto qualcosa di magico che mi sa emozionare.
Lara

martedì 9 agosto 2011

UNA BELLA GIORNATA DI SOLE...






La meta iniziale doveva essere il parco della fontana bianca, ma verso l'una mi viene in mente, grazie a mio marito, che presso il centro visitatori di Daone ( per chi non lo conoscesse un paesino del Trentino) era prevista un'attività di ascolto di storie per i bambini.





Telefono subito a Marisa che accoglie l'idea con entusiasmo e allora decido di chiedere anche all' amichetta delle nostre bimbe, che magari è a casa e non sa cosa fare...



Alle 15.00 puntuali siamo sul posto, ascoltiamo qualche storia di animali della foresta e una delle nostre bimbe diventa persino una delle protagoniste della storia finale.


Eccole tutte e tre dopo la narrazione di filastrocche divertenti.




Era pronta anche una golosa merenda, nel cortile della villa, a base di nutella, spalmata sul pane, dentro dei piccoli croissant e... intorno a tutte le bocche dei bambini presenti e su qualche maglietta.




Vista l'occasione abbiamo deciso poi di visitare il centro, dove gli animali sono presentati da filmati, giochi, e persino ricostruzioni di ambienti. Chiara era molto entusiasta del nido dell'aquila, ci avrebbe fatto dentro un sonnellino.






All'uscita il sole caldo invitava a gustare un buon gelato, e perchè non andare in Valle (di Daone) a mangiarlo?



Partiamo quindi per il posto scelto e dopo il gelato rimaniamo lì un po' per giocare nel parco.



Cosa possiamo aggiungere se non che è stata una bellissima giornata, improvvisa, inaspettata e meravigliosa?




Spero tanto che non sia l'unica, grazie a tutte per la compagnia.




Lara

sabato 6 agosto 2011

BABY- BAKTUS







Pensando a qualcosa da fare a mano per una bimba, che potesse usare a lungo e che fosse gradevole da vedere, mi è venuta l'idea di un piccolo baktus rosso, accompagnato dal berrettino dello stesso colore.



Avevo già fatto un altro baktus per mia figlia l'anno scorso ed un terzo a righe fucsia e bianco per un regalo, e così ho usato lo stesso modello con volant.





Vi ricorderete di sicuro che la forma del baktus è triangolare e allungata, perchè si parte dal punto iniziale della punta e si aumenta sempre dallo stesso lato una maglia ogni 4 ferri. A metà lavoro si procede al contrario, diminuendo stavolta le maglie di prima.





Per fare il volant, che ho copiato in tutti e tre, ho ripetuto due volte il giro in ogni giro per le 4 o 5 maglie di larghezza del volant.


Quindi quei 4 o 5 punti formano due ferri in ogni ferro del resto.


Non so se è chiaro ma è più facile farlo che dirlo....


1 ferro numero di maglie del baktus più le 4 o 5 del volant


2 ferro giro il lavoro e faccio le 4 o 5 maglie del volant


3 ferro mi giro di nuovo e rifaccio le 4 o 5 maglie


4 ferro ora rifaccio di nuovo le 4 o 5 maglie più quelle del resto del baktus.


Tutti i ferri sono a diritto perchè il lavoro è a legaccio ma potrebbe cambiare a proprio piacere.


In conclusione il lavoro è fatto, e pronto per essere regalato e indossato ai primi freddi.




La bimba nella foto mi ha fatto da modella e sembrava proprio gradire... che ne dite?



Chissà, potrei farne uno anche a lei, visto che in un giorno l'ho fatto ed è stato così piacevole!


Lara